L’URLO: UN CONTRIBUTO DELLA DR.SSA FEDERICA VAGNARELLI

Simafra, “L’Urlo” (The Scream) Mixed media on canvas, 200 x 180 cm , 2020

Sono Nadia e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei essere sicura di non aver infettato nessun altro.   Non voglio morire da sola, lontano dalla mia famiglia.

Io sono Fabio e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei stare con la mia famiglia. Non voglio soffrire.

Io sono Valentina e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei essere isolata sulla cima di una montagna, a respirare ossigeno e a riprendermi ammirando il panorama delle Dolomiti. Non voglio peggiorare e far sentire la mia famiglia triste e preoccupata.

Io sono Riccardo e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei cogliere questa occasione come una nuova sfida che la vita mi sta dando… forse perché ho solo bisogno di fermarmi a riflettere.  E per favore … non voglio far parte di nessuna sperimentazione farmacologica o trial. 

Sono Guendalina e se mi ammalassi di Coronavirus vorrei essere sicura che la mia famiglia sia al sicuro.  Non voglio essere lontana da un luogo dove posso essere assistita in caso di peggioramento. 

Sono Emilia e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei il supporto della scuola per gestire il mio lavoro mentre non sono in grado di lavorare a pieno regime.   Naturalmente, non voglio che la salute della famiglia sia in pericolo e non ottenere il diploma scolastico se non posso sostenere gli esami perché malata. 

Io sono Julia e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei sapere che sopravvivrò e non voglio che nessuno dei miei familiari o amici muoia.

Io sono Hannah e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei che la mia famiglia sia al sicuro.  Non voglio morire da sola lontano dalla mia famiglia. 

Sono Lucia e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei essere curata a casa mia. Non voglio che nessuno si ammali a causa mia. 

Io sono Luca e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei sapere subito che sono malato. Non voglio essere solo e lontano dalla mia famiglia.

Sono Beatrice e se mi ammalassi di Coronavirus, non vorrei essere gravemente malata. Non voglio avere effetti a lungo termine e morire.

Io sono Claudia e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei recuperare rapidamente. Non voglio morire da sola. 

Sono Simona e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei poter vedere mio marito e i miei figli. Non voglio sentire alcun dolore e rimanere sola.

Sono Nunzia e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei essere in contatto con la mia Famiglia. Non voglio morire da solo.

Io sono Massimo e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei essere solo per non infettare la mia Famiglia. Non voglio morire da solo.

Sono Federica e se mi ammalassi di Coronavirus, vorrei essere in grado di recuperare rapidamente, non voglio morire da sola. 

Durante lo scorso anno, una malattia pericolosa per la vita si è diffusa in tutto il mondo così rapidamente mentre i clinici non avevano a disposizione dati basati sull’evidenza per trattarla, poiché questi tipicamente richiedono anni per essere convalidati.  In questo scenario, il giudizio clinico e le opinioni degli esperti hanno guidato le scelte e le politiche più che i dati convalidati e i farmaci di provata efficacia. 

Poi, naturalmente, nel frattempo, stiamo investendo enormi sforzi scientifici ed economici per organizzare studi prospettici multicentrici ben progettati per la migliore medicina. 

Poi, naturalmente, nel frattempo, stiamo investendo enormi sforzi scientifici ed economici per trovare il vaccino più sicuro ed efficace. 

Poi, naturalmente, nel frattempo, stiamo investendo enormi sforzi scientifici ed economici nel rinnovamento degli spazi per rispettare la distanza sociale e tenere le persone lontane dal contagio. 

Ma ancora (molte) persone sono così sfortunate e si infettano.

E queste (molte) persone che sono infette possono finire in un ospedale. 

E ancora queste (molte) persone hanno paura di stare lontano dalla famiglia. 

E ancora queste (molte) persone non vogliono morire sole tra gli allarmi assordanti e i freddi tubi e fili del reparto di terapia intensiva, abbandonate alla benevola carezza di un esausto operatore sanitario. 

Non possiamo più essere sordi… il Pianeta sta urlando… è ora di raccogliere l’urlo corale di tutte quelle persone che hanno paura di essere lontane dalla Famiglia, che hanno paura di morire sole. 

Nessuna medicina o vaccino sarà un successo nella misura in cui le persone moriranno sole e lontane da quel caldo conforto che ognuno di noi merita alla fine della propria vita terrena. 

Nessuna medicina o vaccino sarà un successo se saremo sordi al Grido del Mondo.  

Questo è il momento per la Medicina Narrativa di drizzare le orecchie, ergendosi orgogliosamente a cane da guardia dell’Umanità, meravigliosamente addestrato ad essere compassionevole ma potenzialmente feroce quando il suo padrone è in pericolo. 

Grazie a Riccardo Prosperi, in Arte Simafra. Con la sua anima visionaria, sta trasformando le Emozioni in Arte con la stessa sensibilità esoterica di un Alchimista che trasforma il piombo in oro. 

Il progetto di Simafra “Preservazione della Specie” è attualmente una delle mie maggiori fonti di ispirazione e crescita. 

Condividi su:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.