fbpx

Storie del passato, ispirazione per il presente: Insegnare la letteratura, la storia, l’identità professionale e l’attivismo sociale nell’aula di narrazione e medicina.

Mi stupisce sempre quando una giovane donna, che si voglia fare strada con un corso di laurea impegnativo per diventare un medico o un altro professionista della salute, si muove attraverso la città a tutte le ore del giorno per fare volontariato, o in associazioni di beneficenza e lavorare per 20 ore /settimana in una clinica o in un ospedale – dice: “Non sono una femminista”.

Da un lato, c’è qualcosa di ottimista e trionfante nella sua mentalità. Può studiare ciò che le piace, perseguire la carriera e le passioni che contano per lei; può fare la differenza nel mondo; ogni donna della sua età che conosce sta facendo lo stesso, con l’aiuto di professori e clinici che hanno aperto la strada nei loro studi, nelle carriere e nelle vite personali, e che sembrano avere ogni cosa come ricompensa per i loro sforzi. E quindi perché questa donna colta e professionale avrebbe bisogno di femminismo?

Non importa che lei debba stare attenta quando esce, perché tutti conoscono almeno una ragazza che è stata drogata e violentata durante una festa universitaria; o che lei chiama un taxi per fare un viaggio che potrebbe risolversi in una camminata di 10 minuti, ma non lo farà, perché a volte le ragazze vengono aggredite nel quartiere quando camminano di notte da sole. Non importa che, nonostante il fatto che le donne rappresentino quasi la metà dei laureati in medicina, gli uomini sono ancora più numerosi delle donne in tutto il mondo, e le probabilità sono che lei guadagnerà meno dei suoi colleghi maschi, meno di $ 50.000 in meno all’anno. O che se ha una famiglia con un partner maschio e dei figli, potrà lavorare più di 60 ore nel posto di lavoro ogni settimana e dedicare ancora più ore alle faccende domestiche e ai bambini. Non importa che si troverà ad affrontare discriminazioni da parte dei pazienti, valutazioni del lavoro meno favorevoli, possibili molestie e maggiori tassi di burnout nel suo lavoro. Non importa che se è malata o sofferente, è molto probabile che le vengano date meno cure e meno simpatia – è meno probabile che venga creduta – dai suoi amici praticanti … perché è una donna.

Infatti: a cosa serve il femminismo a una  donna istruita e professionale di oggi?

Anche se non usava la parola “femminismo” perché non era ancora di uso comune, Annie Nathan Meyer aveva fatto in modo che la sua eroina inventata ponesse questa domanda, e la esaudisse a lungo, nel suo romanzo del 1892 “Helen Brent, MD” – un romanzo che io e i miei studenti abbiamo letto nel nostro corso di laurea sulla Narrativa in Medicina. La Meyer era impaziente come molte delle donne della sua cerchia sociale di alto ceto a New York, donne le cui vite erano agiate ma insulse – nonostante le durissime battaglie per aprire l’istruzione superiore e il lavoro professionale alle donne (ottenere il voto era anche un obiettivo , ma sarebbero trascorsi ancora  molti decenni), troppe madri stavano ancora insegnando alle loro figlie che la “carriera” ideale era quella di “approdare” ad un marito benestante, e mantenere la sua casa e i  figli per lui. La protagonista della Meyer, la dottoressa Brent, incontra ogni sorta di opposizione nella sua vite professionale e personale. È innamorata di un uomo meraviglioso che la ama e la rispetta … ma che è inorridito da ciò che fa per vivere (toccando e curando i corpi malati di uomini, donne e bambini! Non è un lavoro per una donna!) e non può sposarla a meno che lei non voglia rinunciare alla sua carriera per dedicarsi a diventare sua moglie. Altre donne nella sua cerchia sociale sono ancora più giudicanti della sua carriera rispetto al suo fidanzato. Si distacca da una paziente benestante, una matrona della società che vuole l’aiuto della dottoressa Helen per disciplinare una figlia ribelle …  ribelle perché invece di andare fuori a caccia di un marito ai balli da debuttante, la ragazza vuole essere lasciata sola a studiare. Il più grande rimpianto di Helen è che non può impedire ad altre giovani donne di essere “rapite” da un playboy della società molto ricco, molto elitario, molto immorale, un uomo bianco privilegiato; può fare ciò che gli piace, con chi vuole, senza  considerare le conseguenze, e non solo “rovina” le giovani donne seducendole, ma diffonde la sifilide ovunque vada.

Come romanzo, “Helen Brent MD” non è scritto in modo particolarmente originale, ma mi piace includerlo nella mia lezione sulla Narrativa in Medicina per la storia che racconta. Come Helen sostiene spesso in tutto il romanzo, le donne hanno bisogno che il mondo cambi. Rinforzando molti degli stessi punti elencati da Mary Wollstonecraft un secolo prima, e altre prime scrittrici femministe del suo tempo, Helen insiste sul fatto che una donna che è cresciuta per non fare altro che dipendere prima da suo padre, poi da suo marito, non potrà mai avere la salute fisica, intellettuale o morale di essere di qualche utilità per chiunque – per prendersi cura dei suoi figli, per i giovani o per prendersi cura della sua comunità. Basandosi sulla retorica usata nella seconda metà del 19 ° secolo per sostenere la causa dell’emancipazione femminile in Occidente, Helen non mette in discussione le nozioni essenziali che le donne sono “naturalmente” pensate per curare e nutrire; piuttosto, invoca lo stesso essenzialismo per sostenere che le donne dovrebbero avere fiducia nel conferire a quel potere materno un ambito più ampio, in campi come l’istruzione, la medicina e la salute pubblica. E Helen insiste sul fatto che il fardello del cambiamento non può essere solo delle donne: riecheggiando altri romanzi e storie  non romanzate di oggi, insiste sul fatto che le donne non potranno mai avere successo in nuove iniziative senza il supporto di un nuovo tipo di uomo chi è abbastanza confidente in sè stesso per poter incontrare una donna da pari a pari.

In altre parole, più di cento anni fa, Annie Nathan Meyer usava un romanzo – una storia – per rendere le base del femminismo. E per rinforzare il punto, posso indirizzare i miei studenti a molte altre storie che partono da quel periodo precedente che evidenziano gli stessi conflitti e traggono le stesse conclusioni: l’abilità, il talento e la dedizione ai loro pazienti è la stessa sia che il medico sia uomo o donna, ma le donne devono lavorare instancabilmente per superare i pregiudizi della famiglia, dei colleghi maschi, delle donne intorno a loro che dovrebbero essere alleate ma non lo sono, e gli uomini che sono attratte e intimidite da loro allo stesso tempo:

A Country Doctor (Sarah Orne Jewett, 1884), un medico di campagna

Dr. Zay (Elizabeth Stuart Phelps, 1882)

“The Doctors of Hoyland” (Arthur Conan Doyle, 1894), I medici di Hoyland

Dr. Edith Romney (Anne Elliot, 1883)

Mona Maclean Medical Student (Margaret Todd, 1898)

Peace with Honor (Sydney Grier, 1897)[1], Pace con Onore

I miei studenti del XXI secolo in sanità – circa il 70% dei quali sono donne – sono colpiti da queste narrative del XIX secolo, e su cosa dicono delle sfide che li attendono nel definire le loro identità professionali e personali. Gli studenti sono colti alla sprovvista quando leggono romanzi della fine del 19 ° secolo, insieme a commenti del tempo di riviste mediche come Lancet o JAMA, e si confrontano con le affermazioni convinte e serie di vari esperti secondo cui alle donne mancava la forza mentale e fisica per essere medici o farmacisti. Studiare tali romanzi spinge la loro curiosità verso le credenze dei vecchi tempi – il “doppio standard sessuale”, ovvero il fatto che comportandosi uomini e donne alla pari da l punto di vista del sesso, le donne venivano giudicate male e gli uomini no; l’uso dell’isteria come diagnosi per emarginare, patologizzare e controllare le emozioni delle donne; la resistenza culturale a quelle donne che hanno rotto con la convenzione per entrare nelle “riserve degli uomini “in possesso di istruzione superiore e lavoro remunerativo; i veri pericoli fisici e sessuali che le donne hanno dovuto affrontare ovunque andassero; gli apparentemente banali, ma significativi ostacoli alla agilità presentati semplicemente dai loro vestiti.

Queste storie – fittizie, ma scritte in risposte serie ai conflitti sociali di oggi – aiutano gli studenti a vedere quanto i pregiudizi di genere sono tuttora e sono stati profondamente radicati nella nostra cultura. Per qualcuno che ha 20 anni nel 2019, un romanzo del 1892 è vecchio … ma com’è possibile che donne come Helen Brent – nella finzione, nella vita reale – dovessero lavorare così duramente per coltivare i loro doni intellettuali, per fare nient’altro che offrire il prendersi cura degli altri e  comunque sopportare l’insulto, la solitudine, l’ostracismo, le loro pene … e com’è che oggi le donne affrontano ancora molte delle stesse lotte?

Di fronte alla realtà della profonda disuguaglianza del passato, gli studenti sono forzatamente commossi per ammettere che sì, avevamo bisogno di cambiare, avevamo bisogno di donne e uomini per lavorare per superare i pregiudizi e l’inerzia culturale. Avevamo bisogno che quel cambiamento diventasse femminismo, in modo che questi studenti potessero stare tutti seduti in una classe insieme, in un’università, a contemplare la loro scelta di carriera sanitaria, oggi.

… E poi questi studenti fanno la connessione logica: le scelte che hanno il privilegio di fare oggi importano non solo per il loro appagamento professionale e personale ma anche per il bene delle donne che verranno dopo di loro.

 

 

BIBLIOGRAFIA:

  1. The full text of each of these narratives can be found for free online.
  2. Distribution of Medical School Graduates By Gender.” Kaiser Family Foundation. 2017 https://www.kff.org/other/state-indicator/medical-school-graduates-by-gender/?currentTimeframe=0&sortModel=%7B%22colId%22:%22Location%22,%22sort%22:%22asc%22%7D
  3. Poorman, Elisabeth. “Why Does America Still Have So Few Female Doctors?” The Guardian. January 2018.
  4. Burkeman, Oliver. “Dirty Secret: Why Is There Still a Housework Gender Gap?” The Guardian. February 2018. https://www.theguardian.com/inequality/2018/feb/17/dirty-secret-why-housework-gender-gap
  5. Poorman.
  6. Pagan, Camille Noe. “When Doctors Downplay Women’s Health Concerns.” New York Times. May 2018. https://www.nytimes.com/2018/05/03/well/live/when-doctors-downplay-womens-health-concerns.html
  7. Hirsch, Aubrey. “Medicine’s Women Problem.” The Nib. July 2017.  https://thenib.com/medicine-s-women-problem
  8. Meyer, Annie Nathan. Helen Brent MD: A Social Study. 1892. https://archive.org/details/helenbrentmdaso00meyegoog/page/n8
Share:

Written by

Professor of Medical Humanities, MCPHS, Massachussett College of Pharmacy and Health Sciences University, Boston

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.