fbpx

Cooperazione tra Medicina Tradizionale Cinese e medicina occidentale: esplorare il trattamento narrativo del COVID-19

Contributo a cura di Li Bo, Beijing Hospital of Traditional Chinese Medicine, Capital Medical University, Beijing Institute of Traditional Chinese Medicine, Beijing

Dopo aver terminato una giornata di lavoro clinico e aver camminato sulla via di casa, il mio pensiero è tornato alla primavera del 2003 quando la SARS imperversava nella terra di Cina: una volta lasciata la strada vuota, ha lasciato che il panico si diffondesse in città. Come parte del supporto medico di Pechino per Wuhan, anche il secondo gruppo di medici per assistere Wuhan all’ospedale di medicina tradizionale cinese di Pechino, sempre pronto, è diventato la mia vita quotidiana negli ultimi 2 mesi. C’è confusione, preoccupazione ed eccitazione nel mio cuore, ma la cosa più importante è tornare gradualmente alla calma, per realizzare un pensiero indipendente e azioni concrete.

Recentemente, mi sono sempre tenuto in contatto col decano Liu Qingquan e il dottor Chen Tengfei, che si erano già precipitati in prima linea a Wuhan. Ho ottenuto molti dati sulla prima linea di cure mediche. Le notizie quotidiane di Wuhan inducono anche tutti a pensare e a discutere da diverse angolazioni. Secondo me, i due punti più importanti sono l’intervento precoce della medicina tradizionale cinese e il trattamento interventistico della medicina narrativa. Questi due punti si influenzano e si sostengono a vicenda.

In primo luogo, il notevole effetto della medicina tradizionale cinese. In termini di soppressione dei sintomi della febbre del COVID-19, l’effetto potenziato della combinazione della medicina tradizionale cinese e occidentale sul trattamento antipiretico mostra i vantaggi della medicina tradizionale cinese nel trattamento delle emergenze. Questo vantaggio è anche supportato da prove cliniche: uno studio controllato randomizzato di H1N1 trattato con decotto Maxingshigan e polvere di Yinqiao, condotto dal mio team, ha dimostrato che la combinazione di medicina tradizionale cinese e medicina occidentale può ridurre il tempo di febbre di almeno il 30% rispetto alla sola medicina occidentale. I risultati di questa sperimentazione sono stati pubblicati negli Annali della Medicina Interna[1].

Il secondo punto è il coinvolgimento della medicina narrativa. Nella diagnosi e nel trattamento, un sorriso, uno schiaffo di incoraggiamento e una parola di conforto trasmettono messaggi positivi ed energia. Queste parole e questi comportamenti che scaldano il cuore del paziente riducono tranquillamente l’incidenza della polmonite grave e il tasso di mortalità dei casi. Anche se questo effetto non può essere verificato da studi randomizzati controllati, la narrazione medica può stimolare l’autoimmunità dei pazienti e dei medici, promuovere l’eliminazione del virus e il recupero del corpo. Questa è la verità in cui credo fermamente.

Come un comune clinico cinese, penso e pratico il futuro della terapia narrativa integrata della medicina cinese e occidentale nella mia vita e nel mio lavoro. Credo che con i nostri sforzi congiunti l’epidemia finirà presto e il futuro sarà migliore.

[1] Wang C , Cao B , Liu Q Q , et al. Oseltamivir Compared With the Chinese Traditional Therapy Maxingshigan-Yinqiaosan in the Treatment of H1N1 Influenza[J]. Annals of internal medicine, 2011, 155(4):217-225.

Share:

Written by

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.