fbpx

La narrazione nelle RSA: recensione al Libro di Tiziana Tesauro

9788854858992

Libro di Tiziana Tesauro: “La narrazione come pratica di attivazione nelle strutture residenziali” edito da ARACNE Editrice, aprile 2013

L’esperimento di Tiziana Tesauro all’interno delle case per anziani, i vecchi ospizi oggi “upgraded” a residenze sanitarie assistenziali (RSA) è pieno di significato e coraggio. E’ chiaro che nel migliore dei mondi possibili queste strutture non dovrebbero neanche esistere. Non dovrebbe esistere l’idea, il nome, e quindi la stessa architettura. Nel migliore dei mondi possibili ci si augura una vecchiaia serena e attiva, con una propria abitazione, o perlomeno stanza, nella propria comunità di appartenenza: e ci si augura una morte serena, nel sonno. Senza accanimento terapeutico. Ma non siamo nel migliore dei mondi possibili, Enea è partito per conquistare Roma lasciando il vecchio padre Anchise nella sua città in fiamme ed ecco che assistiamo alla crescita esponenziale della costruzione delle Residenze Sanitarie Assistenziali, pochissime del pubblico, molte religiose e molte private.

Questa le breve premessa alle future poche parole con cui ho iniziato la recensione: questo esperimento è un atto di coraggio. La Tesauro, in questo non luogo, riesce attraverso la narrazione a rendere attivi gli anziani, per farli passare dal Ricordo, al racconto, dal Racconto al Ritrovarsi e dal Ritrovarsi a diventare soggetti agenti. Minimizzando quindi le derive della passività, dell’esperienza di confino, della perdita di sè stessi. E non passando attraverso la simulazione squallida che va per l’immaginazione: “Immagina questo posto come se fosse casa tua”. come un diktat dall’alto. Non è casa loro, e gli anziani lo sanno benissimo. Non ci sono più i loro oggetti, e i vecchi ne sono consapevoli. Ma la narrazione dei ricordi, della propria persona si dispiega oltre l’inventario degli oggetti o i metri quadri di casa propria. Le persone si attivano e superano i vincoli fisici e materiali a cui sono sottoposte.

E allora, se comunque siamo costretti a fare un compromesso e accettare nella nostra esistenza le RSA perchè per molti anziani è veramente l’unica soluzione, i laboratori di narrazione per attivare la memoria degli anziani sono una manna che vale più di molte terapie. La Tesauro usa per liberare le possibilità espressive il racconto orale, il disegno, lo scritto, mette in sottofondo delle canzoni napoletane perché l’esperimento è stato effettuato in strutture per anziani del SUD. E riesce a far sì che una persona, Anna lasci la sedia a rotelle, passi al bastone e si rimetta fisicamente in piedi.

Da leggere e imparare per tutti quelli che hanno il compito di lavorare in strutture RSA, i più delicati e complessi “non luoghi” da trasformare in “luoghi” pieni di personalità.

Share:

Written by

Epidemiologa e counselor, divulgatrice delle Humanities for Health in Italia. "Coming from a classic humanistic high school, I’ve chosen to integrate this knowledge with scientific university studies, in primis, chemistry and pharmacology. After this experience, I quit academy since I wanted to challenge myself in “real life practice” in the private multinational environment, and through these I’ve been following international projects. I worked in a private company in medical research then moved to health economics among the pioneers, achieving also an academic specialization in Epidemiology, and and then I moved to consultancy and to business education. Fondazione ISTUD with this humanistic management approach represented the possiblity to build a bridge between science and humanities in health care. In the mean while I became counselor with transactional analysis vision. I'm deeply inspired by culture, multinational exchange, youth concrete education, gender non discrimination, and social living. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.