fbpx

La prescrizione museale e prospettive di arteterapia al Museo di Belle Arti di Montreal: intervista a Stephen Legari

Siamo lieti di presentare un’intervista a Stephen Legari, arteterapista presso il Montreal Museum of Fine Arts (Canada) e membro della nostra Faculty internazionale

D. Un anno fa abbiamo iniziato a seguire le attività del suo Museo, compresa l’esperienza di prescrizione medica. Vuole commentare le informazioni preliminari che potrebbe avere su questo progetto innovativo e dirompente?

SL. Quello che devo condividere è aneddotico, in quanto sono i nostri medici partner che stanno monitorando i dati reali. Abbiamo concluso il nostro anno pilota di collaborazione con l’Associazione dei medici francofoni del Canada (Association des médecins francophones du Canada). Ciò che hanno condiviso con noi finora è che sono state fatte quasi 400 prescrizioni. Un medico ha osservato che il 100% dei suoi pazienti ha richiesto di tornare al museo. La maggior parte dei commenti indicava che i pazienti si divertivano a prendere le proprie decisioni su cosa fare al museo e quando. I medici lanceranno uno studio mirato nel prossimo anno per valutare da vicino il programma con un campione di medici e pazienti seguiti nel processo. C’è stata anche una crescente richiesta da parte dei medici dell’associazione di avere accesso alla prescrizione.

D. Prescrivere i musei sta diventando una pratica virale (Toronto, il British Museum a Londra)?

SL. Prescrivere i musei ha suscitato molta attenzione sia in Canada che a livello internazionale. Mentre è impossibile dire quale influenza abbia direttamente su altri musei per intraprendere le proprie iniziative di prescrizione, è emozionante vedere questo tipo di partenariato essere esplorato tra le comunità mediche e museali. Il Royal Ontario Museum di Toronto, in Canada, ha il suo modello di prescrizione e ci sono un certo numero di musei in Europa e negli Stati Uniti che ci hanno contattato per avere informazioni su come è nato questo progetto. Nella provincia del Quebec, stiamo attivamente cercando di diffondere il modello di modo che un numero maggiore di medici sarà in grado di prescrivere visite ai musei dei loro pazienti nei loro musei locali. Condivideremo le ultime notizie su questa iniziativa durante il suo sviluppo.

D. Oltre alla prescrizione medica, quali altri progetti innovativi riguardanti l’arte e il benessere sono stati avviati o sono in procinto di iniziare presso il Museo?

SL. Quest’anno abbiamo collaborato con il Dallas Museum of Art e il Palais des beaux-arts de Lille per sviluppare delle linee-guida affinché i musei diventino sempre più accessibili a coloro che sono nello spettro dell’autismo o sono neurologicamente atipici. Abbiamo appena completato la componente terapeutica di uno studio che esamina i benefici della terapia artistica del museo per gli adulti che hanno subìto un ictus e presentano sintomi di bassa autostima, depressione o isolamento. Abbiamo recentemente lanciato nel nostro museo un nuovo studio dedicato a ragazzi e giovani adulti chiamato Atelier 15-20. Speriamo di sviluppare un progetto di arteterapia per coloro che hanno attraversato il sistema di giustizia penale. E continueremo a offrire programmi a coloro che vivono con malattie come il cancro, il morbo di Alzheimer e il Parkinson, quelli che vivono con gravi problemi di salute mentale e quelli colpiti da traumi e perdite.

D. Come la Medicina Narrativa può essere di supporto nelle attività di arteterapia? Ha visto dei benefici nell’integrare le due pratiche?  

SL. La medicina narrativa offre un modello molto convincente per almeno tre tipi di attività. Uno, ogni progetto che facciamo al museo deve in qualche modo essere collegato alle collezioni del museo. Questi incontri con l’arte possono durare diversi minuti o più di un’ora. Il modo in cui facciamo domande e ciò che apprendiamo sulla vita dei nostri partecipanti è molto importante. Vedo la medicina narrativa come un potenziale strumento per affinare il modo in cui poniamo domande sull’arte e collegando poi quelle discussioni al lavoro terapeutico. Due, come strumento di ricerca. Usiamo quasi sempre una componente qualitativa nei nostri questionari di ricerca. La medicina narrativa può aiutarci a perfezionare le nostre domande, che potrebbero produrre dati più coerenti. Tre, come strumento educativo. Lavoriamo sempre di più con operatori sanitari. Come ho visto mentre lavoravo al fianco di Maria Giulia Marini e dei suoi colleghi dell’ISTUD, la medicina narrativa apre un territorio completamente nuovo per insegnare la comunicazione compassionevole per gli operatori sanitari.

Q. La WHO Europe ha recentemente pubblicato il report Evidence of Art Therapies and Health and Wellbeing: Launch of first WHO report on the evidence base for arts and health interventions. Cosa pensa di questo risultato? Come commenterebbe questo documento? Molte pagine sono dedicate alla musicoterapia, mentre la terapia museale e l’arteterapia non sono completamente approfondite. Perché, dal suo punto di vista?

SL. Questo importante documento rappresenta un argomento più ampio, a cui alcune righe di commento possono rendere omaggio. Per molti professionisti che lavorano instancabilmente nelle arti e nella salute da anni e decenni, è una attesa convalida di ciò che hanno conosciuto, ricercato, promosso e insegnato. Le terapie di arte creativa di musica, arte, teatro e danza possono essere pratiche separate, ma rappresentano collettivamente discipline veramente olistiche nelle arti e nella salute. La musicoterapia ha goduto di molte buone ricerche, data la sua relazione con le neuroscienze. È una modalità straordiaria. L’arteterapia e la museoterapia possono ancora godere di uno status simile con più RCT che sappiamo essere costosi e difficili da controllare, data la diversità delle espressioni artistiche che possono emergere in una singola sessione. Trovo due dei temi nei risultati particolarmente incoraggianti:

 … The arts hold promise in tackling difficult or complex problems for which there are not currently adequate solutions. Additionally, this review identified how the arts can provide a holistic lens to view conditions that are often treated primarily as physical; this approach fits with current trends in health towards giving parity of esteem to mental health and also towards situating health problems within their social and community context (p. 52-53).

Questo tema potrebbe facilmente giustificare un’intera dissertazione, ma è inutile dire che indica la capacità dell’arte di contenere problemi molto complessi e spesso impercettibili, mentre illumina nuove strade per il recupero. Un terzo tema era che l’evidenza non mostrava solo l’efficacia degli interventi artistici, ma mostrava anche benefici economici, con alcuni interventi artistici che mostravano un rapporto costo-efficacia equivalente o maggiore rispetto ai possibili interventi sulla salute (p. 53). Questa affermazione è ripresa nell’International Council of Museums e nel loro documento collaborativo con la Organization for Economic Co-operation and Deveopment Guide for Local Governments, Communities and Museums. In cui il nostro e altri musei sono citati per i loro contributi a sostegno di coloro che si occupano di problemi di salute fisica e mentale.

D. Vorrebbe darci dei suggerimenti su come godere delle visite ai musei in qualsiasi luogo possibile? Durante le vacanze di Natale potremmo avere più tempo libero per noi!

SL. Cammina attraverso una galleria locale o museale lentamente, da solo o con un compagno fidato. Fermati, osserva, ascolta, percepisci. Prova a connetterti con ciò che trovi bello. Vai a vedere un concerto, magari un corale. Prenditi un po’ di tempo per muovere il tuo corpo o per estrarre materiali artistici e artigianali e lasciati esprimere senza la necessità di fare qualcosa di specifico. Ancora meglio, fai arte con i bambini della tua famiglia. Sono esperti e possono guidarti quando ti senti bloccato. Anche sostenere gli artisti locali è molto bello.

D. Cosa vorrebbe dire ai curanti (medici, infermieri, altri operatori sanitari) sul fatto che le persone hanno bisogno dell’arte per ridurre lo stress e raggiungere un benessere migliore?

SL. Credo che o lo sappiano già e semplicemente non abbiano il tempo o le risorse per utilizzarlo appieno, o non hanno avuto il tempo o il permesso di connettersi con le arti per la propria salute, e li incoraggerei a scoprirlo per loro stessi.

D. Cosa vorrebbe dire ai direttori del museo e allo staff di un museo, per promuovere la promozione di un museo vivo, pieno di vitalità che può diventare una drammatica risorsa terapeutica?

SL. Vorrei dire che ci sono molto probabilmente elementi già vivi nei loro musei che possono essere nutriti o scoperti. Si nascondono spesso in un gruppo scolastico, una visita specializzata o persino nelle contemplazioni solitarie del visitatore del museo. Ci sono così tanti esempi in tutto il mondo! Possiamo permetterci di sognare in grande. I musei non smettono di essere musei solo perché possono anche fornire spazio per tregua e cura. Possono anche chiamarmi se vogliono scambiare di più sull’argomento.

Share:

Written by

Epidemiologa e counselor - 30 anni di esperienza professionale nel settore Health Care. Studi classici e Art Therapist Coach, specialità in Farmacologia, laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche. Ha sviluppato i primi anni della sua carriera presso aziende multinazionali in contesti internazionali, ha lavorato nella ricerca medica e successivamente si è occupata di consulenza organizzativa e sociale e formazione nell’Health Care. Fa parte del Board della Società Italiana di Medicina Narrativa, Insegna all'Università La Sapienza a Roma, Medicina narrativa e insegna Medical Humanities in diverse università nazionali e internazionali. Ha messo a punto una metodologia innovativa e scientifica per effettuare la medicina narrativa. Nel 2016 è Revisore per la World Health Organization per i metodi narrativi nella Sanità Pubblica. E’ autore del volume “Narrative medicine: Bridging the gap between Evidence Based care and Medical Humanities” per Springer nel 2018 e di "The languages of care in narrative medicine" del 2018, e di pubblicazioni internazionali sulla Medicina Narrativa. E’ conferenziere in diversi contesti nazionali e internazionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.