fbpx

Le Medical Humanities e l’Arte nella formazione di studenti e professionisti sanitari: intervista a Giskin Day

Siamo lieti di presentare un’intervista a Giskin Day, principal teaching fellow presso la School of Medicine dell’Imperial College London e membro della Faculty internazionale del nostro Workshop Avanzato in Medicina Narrativa

D. Si può presentare, parlandoci della sua attività professionale e accademica?

GD. Sono Giskin Day, uno dei principali docenti presso la School of Medicine dell’Imperial College di Londra. Sono responsabile del corso di laurea specialistica interfacoltà in Scienze Mediche, Lettere, Filosofia e Giurisprudenza, e porto avanti anche attività di insegnamento nelle discipline umanistiche in tutta l’università. Da un anno lavoro part-time e contemporaneamente sostengo un percorso di dottorato sull’esperienza della gratitudine in sanità. Qui spiegherò parte di questo progetto.

D. Perché le Medical Humanities sono cruciali nel formare migliori professionisti sanitari, dal suo punto di vista?

GD. Le Medical Humanities sono fondamentali per l’educazione medica e sanitaria perché molti curricula educativi hanno perso il contatto con i modi in cui la cultura modella la comprensione dei pazienti della salute e della malattia. I pazienti non seguono un corso di laurea per imparare a essere pazienti, ma apprendono la medicina e la pratica medica dalle rappresentazioni culturali che li circondano. Quando l’educazione medica viene separata dall’ambiente culturale in cui devono operare i professionisti della salute, i nostri studenti rischiano di perdere il contatto con il corpo in quanto costrutto sociale e culturale, piuttosto che una semplice entità biologica. Vogliamo che i nostri medici e professionisti della salute siano più che tecnici competenti: vogliamo che siano individui competenti e creativi in grado di curare le persone e le malattie.

D. In quali modi le Medical Humanities arricchiscono l’insegnamento della pratica clinica? Potrebbe farci alcuni esempi?

GD. Le Medical Humanities arricchiscono l’insegnamento clinico offrendo approfondimenti nuovi e complementari sulla condizione umana. Una cosa è, per esempio, leggere dello pseudocoma in un libro di testo, un’altra è leggere il racconto di Dominique Bauby in The Diving Bell and the Butterfly. Allo stesso modo, lo studio della storia della medicina offre agli studenti una visione delle origini delle pratiche esistenti, fornendo una profonda comprensione di come arriviamo ad essere ciò che siamo. La filosofia fornisce agli studenti la capacità di interagire con idee intellettuali sulla loro professione, ragionando su concetti e permettendo di ragionare in modo logico e chiaro. Ci sono davvero tanti modi in cui le discipline umanistiche espandono gli orizzonti degli studenti in modo da integrare il loro insegnamento clinico. Soprattutto, la mia speranza è che le Medical Humanities autorizzino gli studenti a pensare a se stessi come esseri creativi, in grado di elaborare idee innovative per risolvere i problemi.

D. Perché le competenze narrative sono importanti, dal suo punto di vista, e quali tecniche e risorse possono aiutare i professionisti a svilupparle?

GD. Il mio detto preferito è che i corpi sono fatti di molecole, ma le persone sono fatte di storie. Le abilità narrative aiutano gli studenti a capire le storie: le storie che raccontiamo di noi stessi e degli altri. Non sono solo la trama e il personaggio ad essere importanti, ma il modo in cui le storie si svolgono nel tempo e nel sottotesto: cosa c’è nella luce e cosa c’è nell’ombra. Ascoltare le metafore che le persone usano per descrivere e comprendere le loro situazioni è uno degli strumenti diagnostici più formidabili che i professionisti hanno. Naturalmente, la lettura e la scrittura creativa sono alcuni dei modi migliori per sviluppare le capacità narrative, ma penso che la più potente di tutte sia la poesia. Leggere, discutere e analizzare la poesia è un modo efficiente e molto efficace per affinare le capacità narrative.

D. In quali modi i professionisti sanitari possono rafforzare la creatività nella loro pratica quotidiana, e perché è importante per loro?

GD. So much is expected of our healthcare professionals these days that the profession can be rather soul-destroying, leading to exhaustion and burnout. I think that creativity, although not a panacea, can help professionals to enjoy their jobs more. Whilst being creative in itself is often therapeutic, it can be useful too. Life drawing can give a better understanding of anatomy, sculpture hones haptic skills, and creative writing can be a deeply meaningful form of reflection.

GD. Oggigiorno ci si aspetta così tanto dai nostri operatori sanitari che la professione può distruggere l’anima, portando a stanchezza ed esaurimento. Penso che la creatività, sebbene non sia una panacea, possa aiutare i professionisti a godersi di più il proprio lavoro. Mentre essere creativi in sé è spesso terapeutico, può anche essere utile. Il life drawing può fornire una migliore comprensione dell’anatomia, la scultura abilità tattili e la scrittura creativa può essere una forma di riflessione profondamente significativa.

Q. Perché l’arte è importante nella formazione di studenti e professionisti sanitari?

GD. Siamo in grado di indicare un sacco di professionisti competenti che non hanno interesse per l’arte, ma credo che l’arte abbia il potere di arricchire la vita intellettuale di chi ha carriere impegnative. Nell’educazione medica, lo studio dell’arte può aiutare ad affinare le capacità di osservazione, abilità comunicative, capacità riflessive e capacità empatiche. Alcuni dei più articolati commentatori sulla medicina sono (o sono stati) artisti – persone come Marc Quinn, Eleanor Crook e Jo Spence. È vero che la medicina è un’arte e una scienza, ma gran parte dell’educazione medica si concentra su quest’ultima a spese della prima.

Q. Che tipi di arte impiega nei suoi corsi, e come?

GD. Nel nostro corso di laurea, agli studenti insegnano una varietà di artisti che sono ispirati dalla medicina nel loro lavoro. I nostri studenti hanno la possibilità di sperimentare il disegno dal vero, scultura, fotografia, medicina grafica, musica, tessuti e collage. Per il loro progetto di laurea finale, la produzione di un’opera d’arte è una parte necessaria del loro metodo di ricerca: vogliamo vedere come il “pensare attraverso il fare” influenza la loro comprensione del loro argomento. È una delle parti più gratificanti e trasformative del nostro corso.

Share:

Written by

Laurea magistrale in Scienze Antropologiche ed Etnologiche presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Specializzata nel campo dell’antropologia medica, ha condotto attività di formazione a docenti, ingegneri e medici operanti in contesti sia extra-europei che cosiddetti “multiculturali”. Ha partecipato a diversi seminari e conferenze, a livello nazionale e internazionale. Ha lavorato nel campo delle migrazioni e della child protection, focalizzandosi in particolare sulla documentazione delle torture e l’accesso alla protezione internazionale, svolgendo altresì attività di advocacy in ambito sanitario e di ricerca sull’accesso alle cure delle persone migranti irregolari affette da tubercolosi. Presso l’Area Sanità di Fondazione ISTUD si occupa di ricerca, scientific editing e medical writing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.