fbpx

Usare il nostro tempo per guardare in profondità

Nella Chart of Humanities, raccogliamo le voci di esperti delle Humanities for Health che ci hanno narrato i loro pilastri-guida ai tempi del COVID-19. Riportiamo qui la testimonianza di Jonathan McFarland, docente presso l’Academic Writing Office della Sechenov First Moscow State Medical University, e membro della nostra Faculty internazionale. 

Anche se ora vivo in Spagna, sono nato in Inghilterra e quindi questo esercizio mi ha ricordato un po’ i Desert Island Discs, che, per chi non lo conoscesse, è uno dei programmi radiofonici di più lunga data in Inghilterra. È praticamente un bene nazionale come la Regina Elisabetta o una tazza di tè.

Su Desert Island Discs dovete scegliere la musica che vorreste portare con voi quando siete stati inviati su un’isola deserta per sopravvivere. Vi è permesso anche un libro, oltre alla Bibbia, e un bene di lusso. Quindi, alcune cose sembrano suonare un campanello d’allarme, in questi giorni di isolamento e quarantena in casa. La differenza principale è la posizione, perché tutti noi ora potremmo preferire un’isola deserta.

Modello biologico 

Pensando al modello biologico mi sono venute in mente due cose: una buona dieta e il massimo esercizio fisico possibile. Io mi sono autoisolato per circa tre settimane, e per fortuna con tutta la mia famiglia; cioè mia moglie e due figlie adolescenti, e finora non abbiamo avuto carenza di provviste. Così, ho cercato di mantenere una dieta varia, che suppongo sia ora più importante che mai, con molta verdura, frutta, ecc. Ho anche iniziato a mangiare più zenzero, aglio, ecc. per aumentare la mia immunità, che sia necessaria o meno, suppongo di essermi detto che potrebbe essere d’aiuto. Ho impostato una routine di camminare per almeno 5 km al giorno, e qui siamo benedetti perché abbiamo un giardino e quindi ho il mio percorso, e finora, sono stato in grado di mantenere questo livello di esercizio.

Modello psicologico 

Molti anni fa, quando facevo gli esami, mia madre scriveva su pezzi di carta la dichiarazione mens sana in corpore sano di Giovenale e me la metteva in bella vista. Credo che questo consiglio sia ancora valido, probabilmente più che mai, e quindi mantenere la forza mentale è legato alle mie passeggiate quotidiane. Camminando mi viene in mente quanti dei grandi filosofi erano grandi camminatori; in effetti, camminare era una parte importante della loro formazione intellettuale, si pensi a Nietzsche, Thoreau, Kant o Kierkegaard, per citarne alcuni. Se avete tempo, vi consiglio Andare a piedi. La filosofia del camminare di Frederic Gros. Sento certamente che camminare fa fluire le idee, e spesso, quando cammino in questi giorni, ho anche preso a registrare le mie idee.

Un’altra cosa è che mentre cammino ascolto gli audiolibri, e questo è un ottimo modo per mantenersi mentalmente vigili.

Penso anche che mantenere le abitudini sia importante, alzarsi presto e vestirsi, ecc. è un modo per mantenerci forti psicologicamente e cercare di tenere le notizie a una certa distanza; niente televisione, e social media al minimo.

Modello sociale  

Come detto prima, sono fortunato perché tutta la famiglia è qui insieme, e questo è un buon modo per rafforzare i legami familiari; sono fortunato perché l’unità familiare è già molto forte ma sono sicuro che questa esperienza ci renderà più forti; pranziamo e ceniamo insieme, e non guardiamo mai la televisione, a pranzo parliamo, e a cena a volte guardiamo delle serie su internet.

Tutti ora parlano di “lavorare da casa” e di usare ZOOM ecc., ma io uso gli strumenti della videoconferenza da un po’ di tempo e quindi non mi sono nuovi, ma sono una manna dal cielo in questi momenti e noi, come famiglia, abbiamo organizzato un raduno di amici una volta alla settimana per chiacchierare e scambiare esperienze. Questa domenica ci riuniamo per cantare al karaoke, cosa che non faccio mai, ma questa volta sarà per farsi due risate. Si chiama l’ora del Gin & Tonic Karaoke ed è una distrazione.

Modello spirituale 

Questo è forse il più difficile; non sono per definizione religioso, anche se sono stato educato cristianamente, come molti suppongo. Questi giorni ci danno molto tempo per pensare e riflettere sulle cose, e questo è molto positivo. Io suggerisco sempre che le persone dovrebbero avere molto tempo per “pensare”, e il mio tempo per pensare è molto spesso equiparato al mio tempo per camminare. Sono momenti molto difficili, ma credo fermamente che, se rimaniamo sani e cerchiamo di usare bene il nostro tempo, e in modo equilibrato, allora ne usciremo più forti, anche perché avremo avuto il tempo di guardare le “nostre” cose più in profondità, di essere consapevoli di quanto siamo fortunati in molti campi della nostra vita. Naturalmente parlo per me, ma sono sicuro che questo si riferisce a molti come me. Non penso a Dio in sé, ma penso spesso al mio posto in questo mondo, all’importanza della natura, all’importanza del nostro rapporto con la natura, a come dovremmo sempre cercare di aiutare gli altri, e aiutare noi stessi, avere empatia per noi stessi per avere empatia per gli altri. E molto di più…

Share:

Written by

The author didnt add any Information to his profile yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.