fbpx

Il desiderio di tornare a essere fisicamente presenti l’uno per l’altro

Nella Chart of Humanities, raccogliamo le voci di esperti delle Humanities for Health che ci hanno narrato i loro pilastri-guida ai tempi del COVID-19. Riportiamo qui la testimonianza di Carol-Ann Farkas, Professore Associato presso il Massachussets College of Pharmacy and Health Sciences (MCPHS) di Boston.

Contesto domestico – Modello biologico

Non so voi, ma io tengo le mie emozioni nel mio corpo, quindi non riesco a separare facilmente una sensazione dall’altra… Molti amici mi dicono che la paura e l’incertezza della pandemia li sta esaurendo. Altri – come me – rispondono con inquietudine. Non possiamo accontentarci. Non riusciamo a muoverci abbastanza. I ballerini di tutto il mondo condividono le lezioni, fanno la sbarra nelle cucine; il mio allenatore “mi viene a trovare” tramite Zoom; io cammino fuori il più possibile. E poi… Mi siedo. E resto seduta. Penso a The Old Gumbie Cat di Eliot.

Modello psicologico

Mi sarei aspettata che il tempo pesasse molto, che passasse lentamente, eppure, incredibilmente, ogni giorno sembra semplicemente evaporare – sono le 18:00 e non sono sicura di quello che ho fatto… di quello che ho “completato”. Notevole come abbiamo interiorizzato l’imperativo di *essere produttivi* – di cosa, esattamente, non sono sicura. La pandemia ci sta (o almeno dovrebbe) facendo porre domande sui tipi di lavoro che sono davvero importanti – passare il tempo nella burocrazia è diventato indecoroso rispetto agli sforzi di medici e infermieri e dei commessi dei negozi di alimentari. In qualità di accademico privilegiato, che lavora da casa, in tutta comodità, mi chiedo quale sia il mio contributo.

Serve anche chi sta solo in piedi e aspetta..

Modello sociale

Mentre osservavamo lo sviluppo della pandemia in Europa, e vedevamo la gente connettersi come potevano, socializzare dai loro balconi – cantando e ballando insieme – speravo che ciò accadesse qui… Finora, nonostante il fatto che io viva in una parte densamente popolata della città, il mio unico contatto con i miei vicini è stata la nostra pagina di Facebook – che alterna discussioni ossessive sulle maschere (come farle, dove procurarsele, se indossarle) e lamentele ostili e meschine su come muoversi nei nostri spazi pubblici condivisi (ci sono due tipi di persone, quelle che conoscono e rispettano i “2 metri” e quelle che non lo fanno). Qui è ancora presto per la primavera – forse, col meteo in miglioramento, impareremo a essere più caldi l’uno con l’altro. Nel frattempo – come tutti nel mio quartiere, mi giro verso l’interno, e interagisco con gli altri attraverso il video e l’audio – gli amici fanno un salto a cena, beviamo un cocktail e parliamo in modo caotico l’uno con l’altro nelle nostre piazzette sulle app di chat. Siamo grati per la tecnologia, anche se ne sentiamo l’artificiosità. Desideriamo che si torni ad essere fisicamente presenti l’uno per l’altro: voce, movimento, espressione, tatto.

Modello spirituale

Non pensavo di avere molto da dire nel campo dello spirito… Non sono devota, non partecipo alla funzione religiosa tramite Zoom come fanno alcuni dei miei amici; e, anche se sto seduta troppo, sono completamente incapace di stare ferma per meditare. Eppure: posso fare danza classica nella mia cucina. Posso camminare nel parco. Posso guardare passeri, gracchioni, cardinali, ghiandaie, un paio di colombe in lutto e uno scoiattolo ottimista che si riunisce intorno alla mangiatoia per gli uccelli. Il rumore della città è diminuito durante la pandemia, e con meno rumore di automobili, c’è più spazio per sentire gli uccelli, il vento tra i rami degli alberi. È primavera e ogni giorno c’è un po’ più di verde, più fiori, più da vedere, più da inalare. Alcuni giorni fa abbastanza caldo per sedersi fuori sul balcone e sentire il sole. Anche nelle giornate più tetre, posso andare al parco ed essere riparata dagli alberi.

Share:

Written by

Professor of Medical Humanities, MCPHS, Massachussett College of Pharmacy and Health Sciences University, Boston

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.