ARTE E SALUTE MENTALE

Stephan Legari
Stephan Legari

Nel gennaio del 2020 ho acquistato un biglietto singolo per vedere Nelken, una riedizione del Tanztheatre Wuppertal dell’ormai famoso pezzo di danza contemporanea di Pina Bausch. Da qualche tempo sono ossessionato da quest’opera nel suo insieme e anche dalla “Nelken Line”, un estratto coreografico che ha goduto di una popolarità virale e viene usato regolarmente nei gruppi terapeutici. Vedere Nelken dal vivo sarebbe stato un regalo a me stesso dopo un altro anno di duro e gratificante lavoro in arteterapia, così ho speso i soldi in più per un biglietto a scelta.

Di tutte le arti dello spettacolo, ho amato a lungo la danza, e ho avuto la fortuna di vivere in una città che ha prodotto alcune delle più grandi compagnie del mondo. La danza mi ha spesso portato sia fisicamente sul bordo della mia sedia che emotivamente molto oltre. Mi piace immaginare i miei neuroni che si accendono di gioia mentre assisto agli abili interpreti che scagliano i loro corpi nello spazio, comunicando attraverso l’astrazione incarnata.
 
Mentre Gennaio passava, noi in Canada guardavamo la pandemia in Italia e in altri paesi con stupore e orrore. C’era un senso collettivo, senza fiato, attanagliato dall’inevitabile. Era come guardare un’onda gigante rotolare attraverso il mondo e c’era poco modo di sapere come si sarebbe schiantata sulle nostre coste. Sapevamo solo che l’avrebbe fatto. Nel giro di poche settimane, il museo di belle arti dove lavoro avrebbe chiuso le porte al pubblico e tutto si sarebbe fermato. Lo slancio stesso della cultura sembra congelarsi nel tempo. Ma questo naturalmente non era vero.
 
Mentre io e mia moglie riorganizzavamo le nostre vite professionali, lei come educatrice infermieristica in terapia intensiva e io lavorando a casa per capire come potrebbe essere l’arteterapia virtuale basata sul museo, diventava progressivamente chiaro che la pandemia non sarebbe stata un’esperienza di breve durata e che avremmo dovuto scavare a fondo nelle nostre risorse più creative se volevamo mantenere la salute mentale, fisica e spirituale. I rapporti quotidiani dei leader politici e sanitari erano sia cupi che pragmatici. È sorta la più urgente delle domande: come potremmo rimanere a casa e prenderci cura collettivamente l’uno dell’altro allo stesso tempo? L’arte, e gli artisti, hanno fornito una delle risposte chiave, come hanno sempre fatto.
 
Nello stesso momento in cui i lavoratori essenziali e di prima linea sono stati dispiegati per proteggere la salute e il sostentamento delle nostre popolazioni dal pericolo, gli artisti sono scesi in massa nell’etere e nel cyberspazio per calmare gli animi di chi ascolta e guarda. Migliaia di artisti in ogni città e paese, molti dei quali ora senza lavoro, senza pubblico o senza alcun tipo di futuro certo, si sono alzati a cantare, suonare, recitare e insegnare. Gli artisti hanno risposto alla pandemia con i loro cuori aperti e ci hanno dato un posto e qualcosa intorno a cui riunirci mentre ci rifugiavamo in casa. Di pari passo, la natura istintiva delle comunità di lavorare collettivamente e creativamente ha trovato vicini di casa che cantavano sui balconi, campane di chiesa che coordinavano i loro rintocchi, e feste di ballo virtuali che scorrevano sui computer portatili.
 
La pandemia ha cambiato per sempre molti di noi al di là della minaccia che ha posto, il caos che ha raccolto e il dolore che ha dato. Ha accelerato un mezzo virtuale di connessione e comunicazione che altrimenti avrebbe potuto seguire un ritmo più palpabile, anche se del 21° secolo. Siamo tutti rannicchiati in quadrati su schermi, rivolti in avanti a vedere noi stessi vedere gli altri, e sappiamo troppo sulla neuroplasticità per non riconoscere che il nostro stesso modo di vedere il mondo e di essere in relazione con gli altri è stato alterato. Le implicazioni di questo cambiamento non solo sulla salute mentale, ma anche sulla guarigione, devono ancora essere realizzate. La telemedicina e la teleterapia erano pratiche specializzate non molto tempo fa, fornite principalmente attraverso i servizi sanitari nazionali a regioni remote e ai veterani utilizzando hardware e software specializzati. Ora, legioni di terapeuti hanno dovuto trasformare completamente il loro modo di lavorare e come effetto collaterale si raggiungono più persone.
 
Nel mio campo, continuo a fare arteterapia di gruppo diverse volte alla settimana. Continuo ad usare gli stessi strumenti, tra cui l’esplorazione della collezione del mio museo, l’attività creativa e la riflessione di gruppo. I gruppi, che siano pazienti, sopravvissuti al trauma o in lutto, sembrano tutti condividere il profondo bisogno di connettersi con qualsiasi mezzo a loro disposizione. Dato lo spostamento di luogo inerente alla terapia virtuale, l’arte, ancora una volta, è adatta ad attraversare il divario digitale e ad avvicinarci. Forse non c’è paragone con gli incontri della vita reale, ma qualcosa di nuovo e a suo modo toccabile sta emergendo in questo modo di lavorare. Per un paio d’ore, siamo in grado di de-confinare e creare qualcosa di nuovo insieme.
 
Una volta pensavo al lavoro di gruppo come a un modello pratico da abbracciare per il museo; i gruppi venivano al museo per le visite, potevano venire anche per la terapia. I gruppi ci permettevano anche di accogliere più persone. Ma le opportunità uniche che si trovano nel lavoro di gruppo sono state intensificate e mi sono state rivelate attraverso questa transizione virtuale. La gente cerca naturalmente la connessione, e quelli che hanno a che fare con le complessità del trauma a volte trovano più facile “collegarsi” che “presentarsi”. Ho anche imparato molto di più su come le arti, nel mio caso le belle arti, ci aiutano a organizzare i nostri sensi e a stare insieme. Un singolo dipinto della nostra collezione può suscitare una miriade di risposte, emozioni e ricordi. L’arte è il nostro mezzo per raccontare le nostre storie a noi stessi e sentirle rinnovate.

Nei giorni calanti della pandemia di influenza spagnola, artisti come Munch e Schiele presero i loro pennelli per dare un senso agli anni che avevano vissuto – nel caso di Schiele solo per morire. I dadaisti avrebbero poi ripreso il compito, ma piuttosto che soccombere alla disperazione e all’assurdità, trovarono una via d’uscita usando il riassemblaggio, l’umorismo e il rischio. In questo slancio, l’arte ha trovato nuovi modi di esprimere la disperazione, smontandola e ricreando qualcosa di nuovo per incitare alla speranza. Nel caso dell’Europa del XX secolo, questo sarebbe il Modernismo. E mentre ci sarebbero voluti più di altri 20 anni prima che l’artista britannico Adrian Hill coniava il termine “arteterapia” mentre si riprendeva in un sanatorio dalla tubercolosi, la nozione che l’arte aiutasse a esternare e guarire ciò che è più preoccupante era tutt’altro che nuova.  
 
È difficile immaginare quale forma assumeranno i nostri mondi dell’arte dopo questa pandemia. Quello che spero è che ci sia una fine della discussione sul contributo delle arti alla salute mentale e al benessere. L’arte non solo ripristina le nostre capacità motorie, la nostra memoria, la nostra immaginazione e la nostra connessione con gli altri, ma ripristina il nostro senso di sé e il significato, e questi obiettivi molto umanistici dovrebbero essere in ogni piano di trattamento.
 
Nelken, naturalmente, è stato cancellato. La sala delle esibizioni rimane vuota e silenziosa, tranne che per lo scalpiccio di piedi di coloro che sono incaricati della sua manutenzione e sicurezza. Sono sempre più inquieto per il giorno in cui potrò abbracciare la mia famiglia e rinnovare la mia professione nel mondo fin troppo reale delle persone e dei loro problemi. Fino ad allora continuerò ad incontrare anime coraggiose che stanno cercando la loro guarigione o il loro mantenimento nella griglia creativa della vita online. E ballerò la mia Nelken Line avanti e indietro in cucina, sognando che altri si uniscono a me. 

Stephen Legari è un arteterapeuta e terapeuta familiare con sede a Montreal, Canada. Dal 2017 è il responsabile del programma per l’arteterapia al Montreal Museum of Fine Arts.

Condividi su:

Stephen Legari

Art therapist, Couple and Family Therapist Program Officer – Art Therapy, Montreal Museum of Fine Arts Montreal, Quebec, Canada

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.