fbpx

Narrative Medicine. Bridging the Gap between Evidence-Based Care and Medical Humanities

Maria Giulia Marini Springer, 2015


Il libro prende in esame tutti gli aspetti della Medicina Narrativa e il suo valore nel garantire che, in un’epoca di Evidence-Based Medicine definita da trial clinici, numeri e probabilità, la scienza clinica sia fermamente integrata dalle Medical Humanities, per favorire la comprensione dei casi clinici e la consegna di una cura eccellente del paziente. Le Medical Humanities affrontano cosa ci succede quando siamo affetti da una malattia, e la Medicina Narrativa è un approccio interdisciplinare che evidenzia l’importanza delle narrazioni del paziente nel colmare varie distanze, incluse quelle tra i professionisti sanitari e i pazienti. Il libro copre la genesi delle Medical Humanities e della Medicina Narrativa, ed esplora tutti gli aspetti del loro ruolo nel migliorare la sanità. Il libro descrive come la Medicina Narrativa sia terapeutica per il paziente, come essa migliori la relazione tra medico e paziente, e come permetta l’identificazione, attraverso le storie dei pazienti, dei sentimenti e delle esperienze caratteristiche di ogni malattia. Inoltre, il libro spiega come usare la Medicina Narrativa come un vero strumento scientifico. La Medicina Narrativa rappresenta un valore per tutti i caregiver: medici, infermieri, manager della sanità, psicoterapeuti, counselor, assistenti sociali.

 

Maria Giulia Marini intraprende un approccio unico e innovativo alla Medicina Narrativa, vedendo in questa un possibile ponte – anzi una varietà di differenti ponti – tra la cura clinica e la ‘humanitas’. Con un uso sensibile della mitologia, della letterature e della metafora da una parte, e degli studi scientifici dall’altra, mostra come il concetto-guida di ‘narrazione’ possa riportare insieme i frammenti dell’impresa medica”

John Launer, Honorary Consultant, Tavistock Clinic, Londra (Regno Unito)

Share: