UN ANNO DI COVID-19: COSA ABBIAMO IMPARATO? COSA ABBIAMO PERSO? – UN CONTRIBUTO DI ISABEL FERNANDES, CECILIA BEECHER MARTINS, MARTA SOARES E TERESA CASAL (PROGETTO IN MEDICAL HUMANITIES DELL’UNIVERSITÀ DI LISBONA)

Isabel Fernandes, Università di Lisbona (Portogallo)

Forse un po’ sorprendentemente, siamo stati portati a riconoscere i limiti delle nostre conoscenze scientifiche di fronte a un virus sconosciuto, ma anche che gli scienziati, quando agiscono insieme su scala globale e in modo interdisciplinare, possono essere decisivi per salvare delle vite.

Ma anche se la scienza può giocare un ruolo così cruciale, abbiamo anche imparato che, visto il potere dei decisori politici, il suo potenziale ampliamento e le sue scoperte cruciali possono essere ignorate, trascurate e persino disastrosamente messe a rischio, da amministrazioni nazionali come, per esempio, le amministrazioni Trump e Bolsonaro. 

Affrontare l’ignoto, pieno di contraddizioni e incertezze, ha purtroppo rivelato la tendenza delle persone a credere a ciò che vogliono credere piuttosto che a ciò che è reale, ricordandoci le parole di T.S. Eliot: “L’umanità non può sopportare molta realtà”. La pandemia di COVID-19 ha certamente evidenziato la necessità di una comunicazione sanitaria efficace, basata su una sinergia tra politica, sanità e scienza. 

Nel frattempo, abbiamo perso la fiducia nelle istituzioni sanitarie mondiali e nazionali, per le loro informazioni e consigli contraddittori, a volte totalmente ingiustificati e politicamente di parte. Ma abbiamo guadagnato un maggiore rispetto per gli sforzi incessanti e infallibili degli operatori sanitari nella cura dei pazienti COVID-19. 

E anche se settori come la Medicina Narrativa e le Medical Humanities non sono in grado di produrre vaccini e cure, ci siamo resi conto che possono essere di grande aiuto in tempi di blocco, incertezza e ansia, fornendo agli operatori sanitari, ai pazienti e al pubblico in generale piattaforme per i tanto necessari momenti di interruzione, inter-azione online, consapevolezza di sé e del contesto.

Abbiamo imparato che l’industria, invece di rallentare e cedere alle limitazioni del mercato emergente e persino alla crisi, può riconvertirsi in modo creativo in nuovi modi di produzione e nuovi prodotti ricercati.

Che ci sono altre modalità di interconnessione umana oltre al contatto dal vivo e che queste possono essere vantaggiose per raggiungere un pubblico più ampio e fuori mano. Ma abbiamo anche scoperto che nessuno di questi vantaggi compensa la perdita della vicinanza fisica e dell’interconnessione vicina.

Abbiamo perso opportunità di socializzazione, e ci siamo persi tutti i tipi di gesti di affetto e di vicinanza. Abbracci e baci sono diventati sorprendentemente letali! Ma, anche così, abbiamo imparato a trovare nuovi modi per non perdere il contatto con i nostri cari.

Mentre la paura e l’ansia prendevano il sopravvento sulla nostra vita quotidiana, abbiamo capito che questo è un momento per costruire ponti piuttosto che muri.

Abbiamo smesso di dare per scontate molte cose: piani per il prossimo futuro o piani a medio termine – la gita di gruppo in montagna o al mare che vorremmo fare in primavera o in estate; la visita a un amico vecchio e anziano; la celebrazione di un matrimonio o un compleanno speciale. 

Una comprensione più accurata del tempo, di come è diversamente vissuto e manifestato, è stata anche acquisita, specialmente da coloro che vivono da soli, poiché si sono visti privati di partecipare veramente alla vita dei loro cari. Molto può accadere in un anno: i primi passi e le prime parole di un bambino, la salute di un parente che sta lentamente declinando, la difficile navigazione di un amico nelle tempeste della vita.

Alcuni sono nati in un mondo abitato da creature che sorridono solo con gli occhi; altri sono stati rinchiusi lontano dai loro cari, e circondati da creature che si nascondono dietro strani abiti; molti sono morti, curati da estranei diventati testimoni della loro reciproca umanità. 

Alcuni sono stati rinchiusi in case affollate trasformate in uffici e scuole; altri sono stati rinchiusi in case solitarie, celebrando Pasqua e Natale e ancora Pasqua da soli. Alcuni sono stati privati della privacy; altri vi sono stati sommersi.

Molti di noi, o di coloro che ci sono vicini, hanno perso inaspettatamente il lavoro e il reddito, e si sono visti vergognosamente indigenti…! Ma siamo stati in grado di aiutarli in più di un modo…

In alcuni casi, gli spostamenti delle strutture familiari sono stati ridefiniti, poiché il concetto di casa si è rapidamente trasformato da una singola unità a bolle separate e distinte.  Ma una volta superato questo spostamento sismico, si è posto il terreno per relazioni adulte durature e, si spera, permanenti. 

Inoltre, la mancanza di distrazioni esterne ha reso più difficile ignorare i demoni interiori, che hanno dovuto essere affrontati e messi a tacere.  Ma, mentre questo è positivo, espande anche i tratti solitari, e rende il ritorno al normale contatto sociale difficile anche se molto desiderato.

Abbiamo perso fiducia e sicurezza in noi stessi. Il nostro futuro è in sospeso! Ma abbiamo imparato dove sono le nostre priorità: il valore dei legami stretti, della famiglia e della solidarietà. 

Condividi su:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.