Sound Therapy e benessere: alcuni studi scientifici

Secondo il Guardian, la Sound Therapy “crede che i nostri corpi contengano frequenze energetiche e che le frequenze sonore possano essere usate per armonizzare queste energie quando vanno fuori chiave. Tutto quello che dovete fare è sdraiarvi e crogiolarvi nella bellezza intonata del suono puro”.

Il suono è stato visto come uno strumento per promuovere la salute fisica ed emotiva del corpo per tutto il tempo di cui la storia può rendere conto, profondamente radicato nelle antiche culture e civiltà. Gli antichi Egizi utilizzavano i canti vocali nella guarigione perché credevano che le vocali fossero sacre. I monaci tibetani approfittano delle ciotole di canto, che credono essere “un simbolo dell’inconoscibile”, le cui “vibrazioni sono state descritte come il suono dell’universo che si manifesta”. Anche quando alcuni uomini e donne della medicina indiana americana venivano chiamati a guarire un membro malato della tribù, si affrettavano a ricevere una canzone in un sogno o in una visione, che avrebbe insegnato loro come effettuare il trattamento del loro paziente.

La psicoacustica è lo studio scientifico della percezione del suono, e ha alimentato percorsi di ricerca per capire meglio come questo possa essere usato come medicina. Per capire i fondamenti del suono nella guarigione dobbiamo prima capire le nostre onde cerebrali. Il nucleo dei nostri pensieri, emozioni e comportamenti è la comunicazione tra i neuroni. Le onde cerebrali sono generate da impulsi elettrici che lavorano all’unisono, da masse di neuroni che interagiscono tra loro. Le onde cerebrali sono divise in cinque diverse larghezze di banda, che si pensa formino uno spettro di coscienza umana. Il tipo più lento di onde sono le onde delta (. 5 a 3 Hz), che sono le onde cerebrali che si verificano soprattutto durante il nostro stato di sonno più profondo. Il tipo più veloce di onde sono le onde gamma (25-100 Hz), che sono associate a stati più alti di percezione cosciente. Onde alfa (da 8 a 12 Hz) si verificano quando il cervello sogna ad occhi aperti o sta consapevolmente praticando meditazione.

Secondo la dott.ssa Suzanne Evans Morris, patologo del linguaggio del discorso:

La ricerca mostra che frequenze diverse sottoposte ad ogni orecchio attraverso cuffie stereo… creano un tono differente (o battito binaurale) così come il cervello mette insieme i due toni che effettivamente sente. Attraverso il monitoraggio EEG il tono differenziale è identificato da un cambiamento nel modello elettrico prodotto dal cervello. Ad esempio, le frequenze di 200 Hz e 210 Hz producono una frequenza binaurale di 10 Hz (la differenza in 210 Hz e 200 Hz è 10 Hz). Il monitoraggio dell’elettricità del cervello (EEG) mostra che il cervello produce un aumento dell’attività di 10 Hz, con uguale frequenza e ampiezza della forma d’onda in entrambi gli emisferi del cervello (emisfero sinistro e destro).

Una serie di esperimenti condotti dalla dott.ssa Margaret Patterson, dall’ ingegnere di terapia neuro-elettrica, e dal dr. Ifor Capel, hanno rivelato come le onde cerebrali alfa abbiano stimolato la produzione di serotonina. Il dr. Capel ha spiegato:

Per quanto possiamo dire, ogni centro cerebrale genera impulsi ad una frequenza specifica in base al neurotrasmettitore predominante che secerne. In altre parole, il sistema di comunicazione interna del cervello – il suo linguaggio, è basato sulla frequenza… Presumibilmente, quando inviamo in onde di energia elettrica a, per esempio, 10 Hz, alcune cellule nel tronco cerebrale inferiore risponderanno perché normalmente reagiscono all’ interno di quella gamma di frequenza.

Ѐ molto intrigante pensare che qualcosa di così semplice come il suono, come la musica, che siamo ormai abituati a trattare come piacevole intrattenimento, non solo possa venir usato per promuovere la guarigione e il benessere, ma dimostra di funzionare anche nella ricerca.

Se la vostra salute mentale è una preoccupazione, provate ad ascoltare un battito binaurale che generi onde alfa tra 8 e 14 Hz, così da produrre più serotonina. Un’ altra opzione è quella di sfruttare la musica che promuove uno stato alfa rilassato nel cervello, come la musica classica.

Un altro interessante studio ha utilizzato un diverso metodo di terapia del suono (ciotole di canto himalayano, il passaggio a Gongs, il passaggio a ciotole di canto cristallino, il passaggio a percussioni terapeutiche). Ѐ stato condotto in due modi – da una live all’interno di una vasca del suono, dove i soggetti giacevano sul pavimento e hanno ricevuto circa 35 minuti di suono, e da una registrazione della stessa che era disponibile online. L’obiettivo di questa ricerca è stato quello di rispondere alle seguenti domande:

  1. Il suono dal vivo è più o meno efficace del suono digitale, registrato e trasmesso, e attraverso quali domini?
  2. Quali sono gli effetti di questo metodo che alterano la coscienza e in che misura vengono effettuati i domini?
  3. Quali sono i benefici terapeutici dell’ASC (Altered States of Consciousness) indotta dal suono?

I dati sono stati analizzati con un test noto come analisi Chi Square, per misurarne la significatività. Dati statistici significativi, altamente significativi ed estremamente significativi sono stati prodotti nei settori del Relax Fisico, Immaginazione, Ineffabilità, Trascendenza del Tempo e dello Spazio, Attitudine Positiva, Perspicacia, Incorporeità e Unità attraverso studi live e registrati. Questi risultati hanno implicazioni di vasta portata per l’uso della terapia del suono, in particolare gli stati di coscienza alterati indotti dal suono (ASC) che continuano a crescere. I risultati forniscono un’ulteriore comprensione della profondità a cui è sperimentato il suono terapeutico dal vivo rispetto ad una registrazione. Nel complesso, l’esperienza in uno studio dal vivo sembrava essere più emotivamente commovente, con i partecipanti in grado di mettere la loro esperienza per iscritto e vivere pienamente la gioia. Ciò può essere dovuto alla presenza degli strumenti e al fatto che le vibrazioni possono essere percepite in viaggio attraverso il corpo, mentre il suono registrato sembrava creare un’introspezione più profonda e un ASC più profondo. Questo è un po’ come paragonare l’essere ad un concerto dal vivo all’ ascoltare una registrazione MP3 – il primo è più eccitante e il secondo più coinvolgente. Entrambi i gruppi sembravano beneficiare dell’effetto rilassante del suono e hanno perso il loro senso del tempo e dello spazio.

 

Fonti:

Collective Evolution

British Academy of Sound Therapy

Share:

Written by

Laureato in Lettere all'Università del Piemonte Orientale, si sta specializzando in Scienze Antropologiche ed Etnologiche all'Università di Milano-Bicocca. Giornalista e scrittore vercellese, ha collaborato con molte testate locali e nel 2015 ha pubblicato il romanzo d'esordio "Qui non arriva la pioggia". Nel 2017 ha poi pubblicato "Il peccato armeno, ovvero la binarietà del male".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.