Medici e suicidi: intervista con Pamela Wible

Ecco la mia intervista con Pamela Wible: Lei è medico di famiglia, nata in una famiglia di medici. Nonostante l’avvertimento dei genitori di non studiare  medicina, Pamela  ha seguito il suo cuore solo per scoprire che per guarire i suoi pazienti doveva prima curare la sua professione. Cresciuta con una “medicina della linea di montaggio”, la dott.ssa Wible ha tenuto riunioni pubbliche  dove ha invitato i cittadini ad immaginare la loro clinica ideale. Aperto dal 2005, l’innovativo modello della Wible ha innescato un movimento popolare che ha ispirato gli americani a creare cliniche e ospedali ideali a livello nazionale. Quando non cura i pazienti, Pamela dedica il suo tempo agli  studenti medici e alla prevenzione del suicidio medico.

Ѐ stata nominata Donna Leader in Medicina nel 2015. Con la Dr.ssa Wible vorrei saperne di più riguardo al tema del suicidio “Non voglio più vivere” dei medici. Pamela è molto chiara nello scrivere che se si suicidano, è perché vogliono porre fine al loro dolore. Per me è esattamente la stessa conclusione: quando le persone vogliono letteralmente morire, possono farlo per una causa specifica, come martiri di un’ideologia o di un ideale: se non vogliono più vivere è perché il dolore e la sofferenza sono insostenibili.

MGM: Dr.ssa Wible, il numero di suicidi dei medici negli Stati Uniti è chiamato l’epidemia nascosta. Bene, ora non è più così nascosta grazie al vostro straordinario lavoro. Quali sono le cause fondamentali di questa epidemia?

Mi risponde chiedendo di andare a vedere quello che ha imparato da 757 suicidi medici. Qui di seguito cito alcuni dei risultati più importanti che per me sono tra i più importanti, e integro in risultati alle sue note di risposta via mail.

PW: I decessi dei pazienti sono dolorosi per i medici. Molto. Anche quando non c’è errore medico, i medici non possono perdonare sé stessi per aver perso un paziente. Il suicidio diventa  l’autopunizione finale.

L’orientamento errato della pratica clinica uccide i medici. Gli esseri umani commettono errori. Eppure, quando i medici commettono errori, negli Stati Uniti, sono pubblicamente accusati in tribunale, in TV e nei giornali (che restano online per sempre). Continuiamo a patire l’agonia di danneggiare qualcun altro – involontariamente – per il resto della vita.

I medici che fanno cose illegali si uccidono. La frode fiscale di Medicare, il sesso con un paziente, può portare alla perdita della licenza medica, alla detenzione e al suicidio.

I medici hanno problemi personali come tutti gli altri. Divorzi, lotte per la custodia dei figli, tradimenti, bambini disabili, e morti nelle nostre famiglie. Lavorando più di cento ore a settimana immersi nel dolore dei nostri pazienti, non abbiamo tempo di affrontare il nostro dolore. (Passare così tanto tempo al lavoro porta effettivamente al divorzio e a una vita personale completamente disfunzionale).

Il bullismo, il nonnismo e la privazione del sonno aumentano il rischio di suicidio. La formazione medica è spesso accompagnata da violazioni dei diritti umani illegali in tutti gli altri settori industriali.

La privazione del sonno, infatti, è una tecnica di tortura (mortale). I medici soffrono di allucinazioni, crisi epilettiche mortali, depressione e suicidio solo in relazione alla privazione del sonno. I medici privati del sonno rivelano “orrori ospedalieri “che uccidono o feriscono i pazienti. Altri muoiono in incidenti stradali legati alla fatica, dopo lunghi turni. I tirocinanti medici sono ora costretti a turni di 28 consecutive per un totale di 80 ore alla settimana. Se “violano” l’orario di lavoro (prendendosi cura dei pazienti) sono costretti a mentire sulle loro cartellini o ad essere marchiati come “inefficienti” e inviati da uno psichiatra per ricevere farmaci stimolanti. Alcuni medici si uccidono per paura di danneggiare un paziente a causa dell’estrema privazione di sonno.

Potare in tribunale i medici aumenta i suicidi. Parole come “burnout” e “resilienza” sono spesso utilizzate dalle istituzioni mediche in guerra psicologica per incolpare e far vergognare i medici, deviando l’attenzione da condizioni di lavoro disumane. Quando i medici vengono giudicati per le condizioni di salute mentale indotte sul lavoro (mentre le violazioni dei diritti umani non vengono affrontate), diventano ancora più senza speranza e disperati.

Gli animi empatici e sensibili sono ad alto rischio. Alcuni dei medici più premurosi, compassionevoli e intelligenti scelgono il suicidio piuttosto che continuare a lavorare in organizzazioni mediche così insensibili, poco caritatevoli e spietate.

I medici non possono ricevere cure di salute mentale confidenziali. Così vanno fuori città, pagano denaro contante e usano nomi falsi per nascondersi da enti medici statali, ospedali e piani assicurativi che chiedono ai medici informazioni sulle loro cure di salute mentale e possono quindi escluderli dalla concessione di licenze statali, privilegi ospedalieri e partecipazione al piano sanitario.

I medici hanno difficoltà a prendersi cura dei medici. I medici trattano i pazienti medici in modo diverso, svalutando le questioni psichiatriche per proteggerli dalle indagini di salute mentale. Condizioni di salute mentale non trattate possono portare al suicidio.

I familiari dei medici sono ad alto rischio di suicidio. Con lo stesso metodo. Un medico è morto con la stessa pistola usata da suo figlio per uccidersi. Kaitlyn Elkins, un promettente studente del terzo anno di medicina, ha scelto il suicidio per inalazione di elio. Un anno dopo sua madre Rhonda morì con lo stesso metodo. Al funerale di Rhonda, ho chiesto a suo marito se pensava che sua moglie e sua figlia sarebbero ancora vivi se Kaitlyn non avesse inseguito la strada medica. Rispose: “Sì. La scuola di medicina ha ucciso metà della mia famiglia “.

MGM: Ritenete che il sistema privato e assicurativo che avete in USA, rispetto ad un sistema pubblico funzionante, possa essere un fattore di rischio?

PW: Sì, solo perché aggiunge un altro oneroso strato di burocrazia  disfunzionale oltre a un modello medico fallimentare. E in qualche modo il sistema for-profit qui mantiene le liste d’attesa lunghe per quelli che ne hanno davvero bisogno.

La medicina della catena di montaggio uccide i medici. Persone brillanti e compassionevoli non possono prendersi cura di pazienti complessi in 10 minuti. Se sanzionati o licenziati per “inefficienza” o “bassa produttività”, i medici possono scegliere il suicidio. Le pressioni esercitate dalle compagnie di assicurazione e dai mandati governativi schiacciano ulteriormente gli animi di queste persone di talento che vogliono solo aiutare i loro pazienti. Molti medici citano nelle loro lettere d’addio condizioni di lavoro disumane.

Le denunce e le investigazioni aumentano il rischio di suicidio. Un medico si è impiccato ad un albero al di fuori del studio di salute mentale in Florida dopo che gli era stata negata la sua licenza. Gli è stato detto: “torna in un anno e noi ripristineremo la tua licenza”. Nel frattempo ha perso tutto e viveva in un centro di riabilitazione.

MGM: Pertanto, dobbiamo continuare a difendere un servizio di assistenza sanitaria ecocompatibile, con ritmi e carichi di lavoro adeguati e tempo per stabilire un rapporto appagante con i pazienti, i loro caregiver e tutti coloro che si curano. Nel Regno Unito, dove c’è un sistema sanitario pubblico, vi è una dichiarazione in cui si sottolinea che le persone che lavorano nell’assistenza sanitaria hanno un accesso più rapido ai farmaci letali, e quindi possono suicidarsi più facilmente. Credete in questa spiegazione?

PW: Sì, soprattutto con gli anestesisti, come qui negli Stati Uniti, i maschi sono a più alto rischio.  Muoiono più da overdose. Molti sono trovati morti nelle guardiole ospedaliere.

MGM: Quindi dobbiamo tenere in considerazione gli anestesisti come possibile categoria a rischio di fragilità. Anche in Italia, dove c’è un sistema sanitario pubblico, ma con ingenti tagli di risorse purtroppo non lella componente amministrativa ma in quella assistenziale,   un’età media della classe medica di 51 anni, abbiamo una situazione allarmante sul suicidio, con un tasso di morte autoinflitta doppio rispetto alla media della popolazione, da un’analisi dei dati ISTAT. Dr.ssa Wible, pensa che alcuni fattori siano universali, come il contatto con il dolore, la sofferenza e la morte dei pazienti?

PW: Sì. Il Trauma Vicario e il Disturbo Post Traumatico da Stress (PTSD) sono reali per i medici. Questo è qualcosa che penso che ogni medico in emergenza e neonatologo e chirurgo hanno probabilmente sperimentato.  Io mi considero fortunata nella medicina di famiglia. Un collega che lavora in neonatologia recentemente mi ha chiamato, chiedendomi se era normale avere attacchi di panico e iniziare a piangere nel bel mezzo della notte. Le ho chiesto che cosa stesse facendo. Beh, lei sta volando in giro in un elicottero, raccogliendo bambini semi-morti…. Penso che questo farebbe sì che chiunque sul pianeta possa essere colpito dal panico. Si tratta di PTSD indotto professionalmente, trauma vicario, e non c’ è aiuto. …. Ecco perché queste persone mi piangono al telefono a mezzanotte chiedendomi se sono normali. Sei normale. Ѐ una reazione normale se hai visto tanto trauma da avere attacchi di panico.

MGM: Pensa che ci sia un pregiudizio nelle nostre facoltà di Medicina e Infermieristica, nell’insegnamento della possibilità di salvare tutti, nel non parlare abbastanza del ciclo naturale tra vita e morte e nel non considerare più la morte come limite? Come un approccio superomistico in cui la morte del paziente diventa un tabù (con tanta tecnologia abilitante disponibile)?

PW: Sì, il disagio accademico uccide i sogni degli studenti di medicina. Il mancato superamento degli esami di commissione e il fallimento nell’accesso in una specialità ha portato al suicidio. C’è davvero una mancanza di leadership nel campo della medicina. Quello che sta accadendo è che si ha la vecchia guardia che prepara le persone a comportarsi allo stesso modo in cui ci siamo sempre comportati perché è così che si è sempre fatto. Il mondo non è quello che era 20, 30, 40 anni fa. Ci sono così tante cose che sono cambiate in medicina. Aver questa reazione impulsiva di bloccare gli studenti di medicina in questo ciclo di apprendimento con una memorizzazione ossessiva, quando le informazioni principali devono essere accessibili sulla punta delle dita. Dobbiamo trovare la gioia d’imparare. Dobbiamo smettere di spingere le persone a persistere in un sistema che ovviamente sta fallendo e implodendo, giusto? Abbiamo bisogno di nuove idee. Abbiamo bisogno di nuovi modi di formare i medici. Dobbiamo smettere di terrorizzarli e violare i loro diritti umani.

Le persone non entrano nella scuola di medicina senza determinazione, intelligenza, compassione e annichilire questi aspetti – l’amore per l’apprendimento e l’amore per l’umanità – è assolutamente il modo sbagliato di formare le persone. Citerò alcuni esempi di due persone che mi hanno scritto recentemente.

“L’anno prima del tirocinio m’ero sposato, e per i primi due anni ero al lavoro o dormivo quindi non vedevo mia moglie. Fu l’inizio dell’erosione del rapporto che portò al divorzio anni dopo. Ho anche sofferto di problemi di salute permanenti, qualche estrema privazione del sonno. Prima del tirocinio ho dormito bene otto ore di notte e ho avuto regolari movimenti intestinali. Dal mio tirocinio, ho sviluppato per tutta la vita una grave insonnia e sono andato avanti per decenni con quattro-cinque ore di sonno per notte e stitichezza grave, utilizzando la toilette circa ogni cinque giorni “.

MGM:  La Dr.ssa Wible fornisce  tante testimonianze di pressione estrema, esami difficili, situazioni prevaricanti in università in: al di là di questo, a mio parere le lezioni sono sopraffatte da un approccio tecno-critico e umanistico, con lo sviluppo d’empatia, conoscenza di sé e conoscenza degli altri come “persone” e non solo come “macchine rotte”, è  questa è una delle possibili cause di questa spersonalizzazione, alienazione, che potrebbe portare al suicidio. Dr.ssa Wible, nel suo sito web si parla di possibili cure mediche ideali. Potrebbe spiegare le basi di questa assistenza medica ideale? Ha a che fare con i servizi ai pazienti e ai medici, così come con l’architettura dei luoghi di cura……?

PW: Semplificare l’erogazione dell’assistenza sanitaria, eliminando i ruoli intermedi senza valore aggiunto e consentire ai pazienti e ai medici di progettare le cliniche e gli ospedali ideali.

In ospedale ci dovrebbe essere una sala da ballo, si potrebbero odorare profumi, i colori dovrebbero essere ovunque, dovrebbe esserci una stanza silenziosa per confortarne il dolore e la sofferenza.

Il cibo dovrebbe essere buono.  E molto altro?

MGM: A questo punto chiedo ai nostri lettori di scrivere in questo link come desiderano il loro ambiente ideale di cura. L’abbiamo fatto già per la prima volta nel 2004 e nel 2005 in un reparto oncologico, dove abbiamo chiesto ai pazienti, ai loro familiari e medici di progettare la loro camera d’ospedale, scrivere le regole che vogliono e non vogliono, e le migliori strategie per vivere insieme nella cosiddetta “costellazione, paziente, familiare e professionista sanitario“. Per favore, lasciate la vostra opinione riguardante il vostro mondo ideale di cura

Dr.ssa Wible, Ha organizzato ritiri per medici e altri operatori sanitari. Penso che questo possa essere un meraviglioso supporto e aiuto anche per medici e per gli infermieri di altri paesi: come sono organizzati questi ritiri?

PW: Li ho organizzati da sola. Sono realizzati bi-annualmente e sono aperti a chiunque nel mondo vorrà venire.  Un titolo è Ritiro medico: vivere il tuo sogno. Offro anche piccoli ritiri mensili per singoli individui e piccoli gruppi. Questo è uno schema del corso:

SETTIMANA 1 ~ Segreti di successo del paziente. Affermare la vostra visione, definire il vostro cliente ideale e imparare suggerimenti e trucchi per attrarre pazienti fedeli per la vita.

SETTIMANA 2 ~ Gioia di essere medico e curante. Superare la fatica con l’ entusiasmo, trasformando il lavoro in gioco ed essere pagati per divertirsi con i pazienti.

SETTIMANA 3 ~ Mentorship & Networking. Unitevi  con un partner mentale e scoprite i vantaggi di chiedere aiuto.

SETTIMANA 4 ~ Strategie di business creative (e risparmio sui costi). Trovare posizioni uniche per lo studio. Esplorare soluzioni innovative per il personale. Ottenere un’assicurazione a basso costo contro gli abusi e molto altro!

SETTIMANA 5 ~ Aumenta ora la fiducia in te stesso! Ampliate la vostra definizione di che cosa significa essere medico e liberatevi dalla medicina basata sulla paura.

SETTIMANA 6 ~ Costruisci la tua comunità. Coinvolgi la tua città per aiutare a progettare, creare e finanziare la tua clinica. È divertente!

SETTIMANA 7 ~ Libertà finanziaria per i medici. Scopri i primi 12 modelli di business e trova quello giusto per te. Decidere se accettare o meno l’assicurazione.

SETTIMANA 8 ~ Media & Marketing. Non sprecare mai soldi per la pubblicità. Sii esperto di media e pubblicizza gratuitamente il tuo messaggio unico.

SETTIMANA 9 ~ Come amare le cose che si odiano. Imparare la chiave per ricariche indolori. Essere sempre pagati per lo smaltimento della burocrazia. Smettere di far finta di niente. Non seguire mai le regole stupide creando le proprie!

SETTIMANA 10 ~  Ritiro! Crea il tuo piano d’ azione personale tra i tuoi nuovi amici trovati in questi ritiri montani. Godetevi un’esperienza unica, senza internet per cinque giorni senza chiamate!

MGM: Ritengo che alcuni punti possano inserirsi nei servizi sanitari italiani, ma altri come il fatto del pagare, sono diversi, perché penso che in Italia i medici siano ben pagati e che il denaro non sia la causa principale del suicidio. Mi piace l’idea di chiedere più soldi per ogni inutile burocrazia da compilare. E amo l’idea di parlare di Gioia nella professione assistenziale. Inoltre trovo salutare il coraggio di rimanere offline per cinque giorni, di essere in fuga dalla società digitalmente travolgente, come per sbarazzarsi di una dipendenza, forse tra le più gravi della nostra epoca. Personalmente però preferisco chiamare il paziente come persona anziché cliente, perlomeno in Italia, nel nostro servizio sanitario pubblico.  Passiamo oltre, e andiamo all’onorare i medici e i curanti morti.

Dr. Wible, ho osservato la sua grande cura nel continuo onorare i suicidi dei suoi colleghi, mantenendo viva la loro memoria. È un grande segno di rispetto. Quali sono gli effetti di questo comportamento sui vostri colleghi e sull’ opinione pubblica?

PW: Penso che ora altri stiano finalmente cominciando a rendersi conto che abbiamo un’epidemia e che questa è veramente una crisi di salute pubblica. I tabù culturali rafforzano la segretezza e il suicidio è un peccato in molte religioni. L’Islam e le famiglie cristiane hanno chiesto di nascondere i suicidi dei membri della famiglia. Le famiglie indiane spesso dichiarano che il suicidio è un omicidio o un incidente, anche quando è ovviamente autoinflitto.

I media offrono una copertura incompleta delle morti sospette. Articoli su medici trovati morti nelle guardiole ospedaliere reclamano “nessuna intromissione”. Nessuna spiegazione successiva.

Le università e gli ospedali mentono (o omettono la verità) per nascondere i suicidi, anche quando i media e la famiglia riportano le cause di morte. Lo studente medico Ari Frosch si trovava di fronte a un treno, ma la sua scuola ha riferito che era morto a casa con la sua famiglia. Anche se la famiglia della psichiatra Christine Petrich ha dichiarato che ha comprato una pistola e si è uccisa (dopo aver appena fatto i capelli e pianificato un viaggio a sorpresa a Lego Land e Disney World per i suoi figli) sulla loro pagina GoFundMe, il suo datore di lavoro ha scritto che lei “è passata a miglior vita”. Il dipartimento di psichiatria non dovrebbe interessarsi più attivamente al suicidio dei medici?

Gli eufemismi coprono i suicidi dei medici. Il suicidio è omesso da necrologi, funerali, cliniche, ospedali e scuole mediche. Invece noi sentiamo dire “mancato inaspettatamente nel sonno” e “andò con il Signore”. I segreti non ci salveranno. Ѐ improbabile che riusciremo a fare miglioramenti medici in una condizione medica nascosta.

Sono stata “scansata” per aver parlato di suicidio medico. Dopo essere stata invitata dall’American Medical Association enere il mio discorso, sono stata disinvitata poco prima dell’evento perché non si sentivano “a proprio agio” con il tema del suicidio del medico.

Ignorare i suicidi dei medici porta ad un aumento del numero di suicidi dei medici.

MGM: Grazie mille per aver condiviso con noi le sue conoscenze e la sua opinione.

Personalmente, avevo parlato di questo problema del suicidio, nel Regno Unito e in Italia, fornendo le statistiche negli Stati Uniti, in classe, a febbraio di quest’ anno con diversi tipi di operatori sanitari. L’ho fatto usando il tono più morbido e ponderato possibile. Sì. Dr. Wible ha ragione: parlando di questo argomento porta imbarazzo, qualunque linguaggio si usi, e le persone che hanno frequentato la classe all’inizio hanno affermato: ma sono gli Stati Uniti, un sistema completo diverso. Vero, basta pensare al fatto che negli USA le armi si comprano direttamente al supermercato. Quando poi ho portato i dati inglesi, verificati come reali e i dati italiani, il nostro tasso di suicidi di medici doppio rispetto alla media, le persone sono rimaste un poco in silenzio, e subito hanno voluto cambiare l’argomento, per mettersi a “testare” una nuova tecnologia medica.  Certo, era una sorta di protezione, ma il silenzio può essere spezzato, e una seria riflessione dovrebbe cominciare a migliorare il nostro servizio sanitario e migliorare la vita di tutte le persone che giorno e notte dedicano la loro vita al nostro benessere. E quindi anche noi cominciamo a usare la nostra creatività e libertà per disegnare il nostro luogo di cura ideale.

Share:

Written by

Epidemiologa e counselor, divulgatrice delle Humanities for Health in Italia. "Coming from a classic humanistic high school, I’ve chosen to integrate this knowledge with scientific university studies, in primis, chemistry and pharmacology. After this experience, I quit academy since I wanted to challenge myself in “real life practice” in the private multinational environment, and through these I’ve been following international projects. I worked in a private company in medical research then moved to health economics among the pioneers, achieving also an academic specialization in Epidemiology, and and then I moved to consultancy and to business education. Fondazione ISTUD with this humanistic management approach represented the possiblity to build a bridge between science and humanities in health care. In the mean while I became counselor with transactional analysis vision. I'm deeply inspired by culture, multinational exchange, youth concrete education, gender non discrimination, and social living. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.