La neuroestetica per il benessere

Il termine “estetico” deriva dal greco antico, più precisamente dalla parola “aesthesis” – percezione sensoriale – e comprende qualcosa di più della sola percezione visiva: è sinonimo di una percezione globale tramite tutti i sensi del corpo, comprende l’impressione che la percezione lascia sul corpo. Nel significato originale del concetto, la percezione tattile e visiva costituisce un tutt’uno, insieme all’udito e al sentimento. Anche il profumo è una parte dell’estetica, così come il discernimento. Se pensiamo a qualcosa di molto familiare al mondo medico, potremmo parlare di “anestesia”, cioè semplicemente un blocco della percezione sensoriale del corpo che potrebbe essere totale, sedato la coscienza o agendo soltanto localmente. Come un ossimoro, l’anestesia sembra bloccare l’estetica, l’esperienza estetica. Siamo sicuramente grati al gruppo di ricercatori e medici di Boston che, alla fine dell’Ottocento, scoprirono l’utilità dei gas anestetici nella chirurgia. Non furono i primi: probabilmente, molti secoli fa, le erbe anestetiche erano usate sia per la guarigione che per i sacrifici. Chiamando in azione il significato di anestesia, ho pensato potesse essere abbastanza potente da spiegare in profondità le radici di un’esperienza estetica: qualcosa di percepito da tutto il corpo, e questo qualcosa produce qualcosa di buono proprio per il fatto che il nostro sistema sensoriale e logico s’impegna con il mondo intorno, le persone intorno, l’aria intorno al corpo.

Il professor Semir Zeki del Wellcome Laboratory of Neurobiology dell’University College London nel Regno Unito, insieme al collega Dr. Tomohiro Ishizu, sono i fondatori della Neuroestetica, quindi l’interazione tra cervello e Bellezza e Bruttezza. Hanno scoperto che la corteccia mediale orbito-frontale, negli esseri umani, quello che gli esperti chiamano il centro del piacere e della ricompensa del cervello, ha mostrato una maggiore attività nel cervello dei partecipanti che ascoltavano musica o guardavano una foto che avevano già considerato bella. Zeki ha scoperto, esaminando le immagini RM del cervello dei suoi soggetti, che quando le persone guardano qualcosa che trovano bello, una porzione nella parte anteriore del cervello chiamata corteccia mediale orbito-frontale “si accende“, cioè, c’è un aumento del flusso sanguigno in questa zona. Crede che sia una risposta quasi universale alla bellezza. Ci dice davvero che cercare la bellezza ci mette nella condizione di “sentirci bene”, una cosa universale e che, in alcuni casi, ci sono modi universali per raggiungerla. Il centro del piacere cerebrale è ricompensato con il neurotrasmettitore chiamato dopamina, uno dei migliori neurotrasmettitori, Zeki ha aggiunto una una novità nel suo studio, e questo senza alcuna aspettativa, – cioè che la bellezza percepita attraverso gli occhi (ad esempio l’arte visiva), e la bellezza che si riceve attraverso le orecchie (ad esempio la musica) non sono indirizzati verso diverse parti del cervello, entrambe “ricompensano” lo stesso luogo. Il livello di attività nella corteccia mediale orbito-frontale si correla molto fortemente al grado in cui si trova una cosa attraente. Ha spiegato:

“Il grado di attività della corteccia frontale mediale è direttamente proporzionale all’intensità dichiarata della bellezza. Quindi, se si sperimenta qualcosa di molto bello su di una scala da 1 a 10 e si dà un 10, allora l’attività sarà più forte che se lo si sperimentasse come un 1 su 10”.

Al contrario, ha detto Zeki, ha scoperto che quando le persone vedono qualcosa che è esteticamente spiacevole – qualcosa che trovano brutto – s’illumina una parte completamente diversa del cervello:

“Si tratta di un’altra regione del cervello, chiamata amigdala, che è attiva anche quando si guardano stimoli spaventosi, attiva con paura e rabbia, come se il corpo venisse mobilitato, o preparato, o si attivasse la pianificazione di una sorta di azione motoria per evitare ciò che è brutto”.

Ora la sfida è quella di scoprire quali sono gli oggetti che stimolano il rilascio di dopamina o attivano l’amigdala, cos’hanno in comune, per promuovere questi modelli comuni nel cervello  (Toward A Brain-Based Theory of Beauty Tomohiro Ishizu, Semir Zeki, Plos One, Published: July 6, 2011).

Share:

Written by

Epidemiologa e counselor, divulgatrice delle Humanities for Health in Italia. "Coming from a classic humanistic high school, I’ve chosen to integrate this knowledge with scientific university studies, in primis, chemistry and pharmacology. After this experience, I quit academy since I wanted to challenge myself in “real life practice” in the private multinational environment, and through these I’ve been following international projects. I worked in a private company in medical research then moved to health economics among the pioneers, achieving also an academic specialization in Epidemiology, and and then I moved to consultancy and to business education. Fondazione ISTUD with this humanistic management approach represented the possiblity to build a bridge between science and humanities in health care. In the mean while I became counselor with transactional analysis vision. I'm deeply inspired by culture, multinational exchange, youth concrete education, gender non discrimination, and social living. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.