La carta dei diritti del caregiver

Carte dei diritti del caregiver, scritta da Jo Horne, autore di “Caregiving: Helping an Aging Loved One”.

Offriamo ai nostri lettori un breve elenco di punti fondamentali per quanto riguarda i diritti del caregiver. Ogni punto risponde al principio di “ho il diritto di…“:

 

  • Prendermi cura di me stesso. Questo non è un atto di egoismo. Mi darà la capacità di prendermi cura del mio congiunto.

 

  • Cercare aiuto dagli altri anche se il mio congiunto potrebbe obiettare. Riconosco i limiti della mia resistenza e della mia forza.

 

  • Mantenere aspetti della mia vita che non includono la persona che mi sta a cuore, proprio come farei se fosse in salute. So che faccio tutto ciò che ragionevolmente posso per questa persona, e ho il diritto di fare alcune cose per me stesso.

 

  • Arrabbiarmi, essere depresso ed esprimere occasionalmente altri sentimenti difficili.

 

  • Rifiutare qualsiasi tentativo del mio congiunto (conscio o inconscio) di manipolarmi attraverso la colpa, la rabbia o la depressione.

 

  • Ricevere considerazione, affetto, perdono e accettazione per quello che faccio per la persona amata, fintanto che offro queste qualità in cambio.

 

  • Essere orgoglioso di ciò che sto compiendo e lodare il coraggio che a volte ho avuto per soddisfare le esigenze del mio parente.

 

  • Proteggere la mia individualità e il mio diritto di costruirmi una vita che mi sostenga nel momento in cui il mio parente non avrà più bisogno del mio aiuto a tempo pieno.

 

  • Aspettare e chiedere che, man mano che si compiono nuovi passi avanti nella ricerca di risorse per aiutare le persone anziane con disabilità fisiche e mentali nel nostro paese, passi simili saranno fatti per aiutare e sostenere chi presta assistenza.

 

  • A _____________________________________________________________________________________
    (Aggiungere la propria dichiarazione dei diritti a questo elenco. Leggi l’elenco a te stesso ogni giorno.)

 

Share:

Written by

Laureato in Lettere all'Università del Piemonte Orientale, si sta specializzando in Scienze Antropologiche ed Etnologiche all'Università di Milano-Bicocca. Giornalista e scrittore vercellese, ha collaborato con molte testate locali e nel 2015 ha pubblicato il romanzo d'esordio "Qui non arriva la pioggia". Nel 2017 ha poi pubblicato "Il peccato armeno, ovvero la binarietà del male".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.