Il Prometeo antico, moderno e contemporaneo

Sono passati duecento anni da quando il romanzo Dr. Frankestein, il moderno Prometeo, è stato scritto dall’inglese Mary Shelley (1797-1851), quando aveva solo 19 anni. Questo libro racconta la storia di Victor Frankenstein, un giovane medico scienziato che crea una creatura grottesca e sapiente con un esperimento scientifico dando energia elettrica a cadaveri ricuciti insieme. Questo romanzo gotico è nato durante una competizione con Percy Bysshe Shelley e Lord Byron, e il vincitore sarebbe stato quello che avesse creato la storia più terrificante. Molto probabilmente, Mary lo vinse questo premio. Provate a leggere questo romanzo, come ho fatto io, la sera, da sola, a voce alta; probabilmente sentirete i nervi tendersi, il cuore battere più veloce, una paura improvvisa diffondersi in giro, per la cascata incessante degli eventi, e tiferete sia per Frankenstein e la sua creatura, in un modo molto ambivalente.

Frankenstein appartiene infatti al movimento romantico, quando le forze della natura erano considerate così forti e immense che gli esseri umani non potevano cambiarle o alterarle, rispettando l’immenso potere del ciclo della vita e della morte, dell’amore e dell’odio; l’uomo doveva solo attraversarlo con passione e disperazione.  Allo stesso tempo, è uno dei primi esempi di fantascienza, e probabilmente la prima vera storia di fantascienza dell’era moderna, perché, a differenza delle storie precedenti contenenti elementi fantastici simili a quelli della fantascienza successiva, il personaggio principale prende una decisione consapevole e si rivolge agli esperimenti moderni in laboratorio per ottenere risultati fantastici. Tuttavia, la fantascienza era già ampiamente presente nella mitologia: in seguito la carne e l’energia elettrica sostituirono l’argilla e la potenza degli Dei.

Da ragazzo, Victor Frankenstein è ossessionato dallo studio di antiche teorie che si concentrano sulla simulazione di miracoli naturali. Quando Victor ha cinque anni, i suoi genitori adottano Elizabeth Lavenza, della quale Victor si innamora in seguito.

Settimane prima di partire per l’Università, sua madre muore; Victor, distrutto dal dolore, si seppellisce nei suoi esperimenti. All’università eccelle nella chimica e nelle altre scienze, sviluppando presto, contro i consigli di un medico che prima di lui aveva cercato di fare lo stesso pur contro il divieto del preside della scuola di medicina, una tecnica segreta per dare vita alla materia non vivente. Alla fine, crea un umanoide, ma a causa della difficoltà di replicare il corpo umano, Victor rende la Creatura alta circa 2,4 metri. Una volta viva la creatura è orrenda.  Ripugnato dal suo lavoro, Victor lo lascia quando si risveglia. La Creatura fugge.

La Creatura si dimostra intelligente e nei suoi primi giorni di vita, vivendo da solo nella natura selvaggia, ma scopre che la gente ha paura di lui, il che lo porta a sviluppare paura e a nascondersi dal mondo. Mentre vive in una stalla abbandonata vicino a un cottage, si affeziona alla povera famiglia che abita lì, e inizia a raccogliere di nascosto la legna da ardere per loro. Vivendo segretamente in quella famiglia per mesi, la Creatura impara a parlare ascoltandoli, e impara da sé a leggere dopo aver trovato dei libri perduti nel bosco. Vedendo il suo riflesso in una piscina, si rende conto che il suo aspetto fisico è orrendo, e lo terrorizza allo stesso modo in cui terrorizza gli esseri umani normali. Tuttavia, si avvicina alla famiglia: inizialmente riesce ad essere amico della figura paterna cieca della famiglia, ma gli altri spaventati fuggono tutti dalla loro casa, così chela Creatura se ne va via delusa. Si reca nella tenuta di famiglia di Victor per vendicarsi.

Nel frattempo, Victor ritorna a casa quando viene a conoscenza dell’assassinio di suo fratello William. Giunto a Ginevra, Victor vede la Creatura vicino alla scena del crimine e si arrampica su una montagna, facendogli credere che sia proprio il suo Artefatto il responsabile. Justine Moritz, la tata di William, viene condannata per il crimine a causa di un complotto malvagio ideato dalla Creatura. Victor è impotente nell’impedire che venga impiccata, poiché sa che nessuno crederebbe alla sua storia.

Con dolore e senso di colpa, Victor si ritira in montagna. La Creatura lo trova e chiede che gli crei una compagna come lui. Egli sostiene che, come essere vivente, ha diritto alla felicità. La Creatura promette che lui e il suo compagno scompariranno nel deserto sudamericano, per non riapparire mai più, se Victor accoglierà la sua richiesta. Se Victor rifiuta, la Creatura ucciderà i suoi amici e i suoi cari rimasti. Temendo per la sua famiglia, Victor accetta a malincuore.

Victor lavora sulla creatura femminile, ma teme i presagi di un disastro, di come la femmina potrebbe odiare la Creatura o diventare più crudele di lui, ma più in particolare che le due creature potrebbero portare alla nascita di una razza da affliggere l’umanità. Per questo interrompe il suo lavoro galvanico.

A Ginevra, Victor sta per sposarsi: la notte successiva al matrimonio, Victor chiede a Elisabeth di rimanere nella sua stanza mentre cerca fuori la Creatura.  Mentre Victor perquisisce la casa e il terreno, la Creatura strangola Elizabeth a morte. Dalla finestra, Victor vede la Creatura, che punta scherzosamente al cadavere di Elisabetta; Victor cerca di sparargli, ma la Creatura scappa. Victor insegue la Creatura al Polo Nord, ma crolla per esaurimento.

Victor muore poco dopo, sulla nave, vicino al Polo Nord, del Capitano Walton. Egli scopre la Creatura sulla sua nave, in lutto sul corpo di Victor. La Creatura giura di uccidersi in modo che nessun altro venga a conoscenza della sua esistenza.

….

Frankenstein è definito come un Prometeo Moderno (etimologia, quello che conosce per primo) da Mary Shelley. Facciamo un salto di oltre due millenni indietro, e andiamo all’antico Prometeo: dopo che gli dei hanno plasmato gli uomini e altre creature viventi con una miscela di argilla e fuoco, Prometeo, insieme a suo fratello Epimeteo (colui che conosce in seguito), è chiamato da Zeus e dagli altri Dei a completare il compito e distribuire tra le creature appena nate ogni tipo di qualità naturali. Epimeteo si mette all’opera ma, non essendo saggio, distribuisce tutti i doni della natura tra gli animali, lasciando gli uomini nudi e non protetti, incapaci di difendersi e di sopravvivere in un mondo ostile. Prometeo, preoccupato per il futuro dell’umanità, ruba il fuoco del potere creativo dalla bottega di Atena ed Efesto e lo dona ai mortali. O, meglio, insegna loro come accendere un fuoco, una competenza tecnica. Questo è ciò che generalmente conosciamo del mito dell’Antico Prometeo: per la rapina del fuoco, per altri scherzi giocati contro gli Dei, e per amare l’umanità, fu punito da Zeus legato ad una roccia, dove ogni giorno veniva inviata un’aquila per nutrirsi del fegato- il centro delle emozioni secondo gli antichi greci- che il giorno dopo sarebbe poi ricresciuto di notte per essere mangiato di nuovo il giorno dopo. In alcune storie, Prometeo viene finalmente liberato dall’eroe Eracle. Un’altra cosa che vale la pena di sapere è che Prometeo aveva detto ad Epimeteo di non accettare il dono degli Dei di una donna di argilla (ricorda la nostra Genesi nella Bibbia?) il cui nome era Pandora, colei che aprì la scatola proibita (come Eva che mangiava la mela proibita) e scatenò sul genere umano dolori, malattie, pestilenze. Possiamo vedere in questa storia una somiglianza tra Prometeo e Frankenstein, poiché il primo si rifiuta di creare una creatura femminile per il suo mostro.

Alcuni greci hanno amato e rispettato l’antico Prometeo, come ha dimostrato lo scrittore di tragedie Eschilo di Atene, nel suo “Prometeo Incatenato”: qui Prometeo è considerato come il “Fautore della salita dell’umanità dagli inizi primitivi fino al livello attuale della civiltà”. Egli sostiene l’umanità, lotta contro l’indifferenza degli Dei e mostra un atteggiamento nobile nel sopportare la sua tortura quotidiana.

C’è dell”altro sul mito di Prometeo, di cui non siamo molto al corrente, che ci viene raccontato da Platone, il filosofo greco: nonostante il fuoco, fornito da Prometeo con i mezzi per sopravvivere, gli uomini rischiarono di estinguersi a causa della reciproca diffidenza, che impedì la formazione di gruppi stabili e relegò gli individui alla solitudine. Preoccupato per il destino dei mortali, Zeus mandò poi Hermes sulla Terra per distribuire l’umiltà (la qualità di essere umile), una virtù completamente diversa dall’arroganza di Prometeo, e insieme all’umiltà anche la giustizia a tutta l’umanità. Un approfondimento è necessario per spiegare la parola umile: essa trae origine dall’humus, la terra, il suolo, il terreno, l’argilla, il pianeta. Inoltre, l’Uomo ha origine dalla stessa radice, l’humus. Essere Umile o Umano significa essere concreto, rimanere a terra, essere realistici di fronte ai limiti umani. Mentre per competenza tecnica, come la capacità di accendere un buon fuoco, ci sono pochi esperti a cui altri devono rivolgersi in caso di necessità, per umiltà e giustizia questo non accade, poiché tutti gli esseri umani sono provvisti da Zeus con queste qualità.  Secondo il mito, infatti, è attraverso il dono di Zeus che le città sono nate e i mortali sono riusciti ad uscire dalla condizione selvaggia; e proprio per mantenere questo status, i genitori educano i bambini in virtù dell’umiltà. La virtù umana è quindi insegnabile, e chiunque è in grado di impararla. Certo, qualcuno si dimostrerà meno virtuoso di altri, ma d’altra parte questo accade anche per altre abilità.

Qui assistiamo ad una contrapposizione tra la definizione di Prometeo come nobile verso l’umanità e cieco e arrogante verso gli Dei: ma cosa significano questi Dei? Possono rappresentare le leggi e i ritmi della natura, compreso il ciclo della vita e della morte? E Prometeo potrebbe incarnare la tecnologia, o meglio, la costante promessa della tecnologia, di prolungare la vita, di alleviare il dolore e le malattie, di permettere agli esseri umani di mangiare pasti cucinati e non solo carne cruda, così da rendere la carne tenera e piacevole una volta cotto? (come ha sottolineato Levi Strauss analizzando la mitologia del Sud America, un concetto fondamentale nella comprensione della civiltà umana nel mondo è questo divario tra il Crudo e il Cotto.)

C’è una sorta di somiglianza tra il vecchio Prometeo e il moderno Prometeo, ma non così grande come vuole farci credere Mary Shelley scegliendo questo sottotitolo: entrambi sfidano infatti con arroganza le regole imposte dagli Dei e dalla Natura, e cercano di fare qualcosa di buono per gli esseri umani, usando la tecnologia, il fuoco e l’energia elettrica. Quindi, entrambi si attengono all’abilità tecnica, pionieri nello sviluppo della tecnocrazia. Direi però che il mitico Prometeo ha avuto più successo nell’aiutare la nostra evoluzione con la tecnologia di quella raffigurata nel romanzo di Mary Shelley: il vecchio Prometeo non ci ha mai lasciato soli, non ci ha mai tradito, anche se siamo pieni di vizi, al contrario di Frankenstein, che abbandona la sua Creatura. La Creatura, al momento stesso della sua nascita non era buona o cattiva, era solo colpevole di essere orribile, eppure era condannata perché il suo “creatore” non era in grado di padroneggiare meglio la sua tecnologia.

Noi assistiamo con il personaggio di Prometeo, non importa se quello che appartiene al mito, o quello del romanzo, alla “guerra” tra le persone che vogliono anticipare, creare e cambiare il futuro, quindi che incarnano il valore evolutivo, e le persone che vogliono mantenere le regole di sempre, e il cui valore è statico e tradizionale. Nelle credenze classiche, tradizionali, la fame, la povertà, la malattia e la morte sono accettate, mentre nei valori progressisti e innovativi, queste condizioni devono essere superate, anche se i Mostri potrebbero essere la conseguenza. La scienza procedono alla cieca, per ipotesi, tentativi ed esperimenti che possono generare sia cose meravigliose che orribili. Da qui, la consapevolezza di un grande divario tra l’atteggiamento moderno, razionale e logico dei viaggiatori verso il regno del futuro e l’atteggiamento irrazionale, poetico e umanistico dei viaggiatori verso il regno del passato.

Molti critici pensano che il romanzo sia plasmato dai tragici eventi della vita di Mary Shelley. Sua madre è morta giorni dopo la sua nascita e Mary Godwin Shelley non solo è cresciuta senza l’amore di una madre, ma nei momenti più bui si considerava l’assassina della madre. Divenne la figliastra della nuova famiglia, una volta che suo padre si sposò di nuovo, e fu mandata via dalla nuova moglie quando aveva solo 14 anni.  Quando sposò Shelley, questo fu uno scandalo per la sua famiglia, dato che si stava dando a un poeta, un “bohemienne” squattrinato. Con lui perse il suo primo figlio, nato prematuramente. La prima interpretazione femminista e psicoanalitica di Frankenstein fu quella di Ellen Moers, che lesse il romanzo di Shelley come una “sublimata rinascita“. L’autrice espelle la propria colpa sia per aver causato la morte della madre, sia per non essere riuscita a produrre un figlio sano per Percy, come aveva fatto sua moglie Harriet tre mesi prima. “Trattate la persona malata, e diventerà malvagio… Dividete un essere sociale dalla società, e gli imporrete obblighi irresistibili – malevolenza ed egoismo”, e questo fu scritto come commento da Percy Shelly, il marito di Mary.  La forza del romanzo era quella di presentare “le manifestazioni anormali, o mostruose, della relazione bambino-genitore” e, così facendo, di “trasformare la materia romantica tipica dell’incesto, dell’infanticidio e del parricidio in una fantasmagoria della scuola materna””. Forse, scrivendo Frankenstein e mettendo su carta il dolore, la sofferenza, la rabbia omicida – infatti Mary Shelley ha ucciso Justine, la tata, il cui compito è quello di allevare i figli in assenza della madre, è stato un modo terapeutico per uscire dalla depressione, superare i traumi e vivere una vita altamente produttiva ed equilibrata, seppure controversa. Il mitico Prometeo potrebbe essere anche l’incarnazione della buona curante per l’umanità neonata.

Che cosa ha a che fare tutto questo con la medicina narrativa? Dai racconti dei nostri pazienti, usando la nostra trama di illness,- malattia divisa in ordine diacronico così:

1) Prima della malattia…

2) Qualcosa è cambiato nel mio corpo…….. Volevo……non volevo….mi sentivo….sono andato…..ho detto….Il medico ha detto….La gente al mio fianco…..

3) Ora, voglio…..non voglio….mi sento….vado….dico….Il medico dice…Le persone al mio fianco…..

4) Per il futuro che voglio…

5) Come ti sei sentita a scrivere la tua storia?

Nel passaggio 4, “Per il futuro che voglio“, potremmo applicare in modo estremamente approssimativo e dicotomico queste categorizzazioni: persone con una malattia che sono a favore di Prometeo, perché continuano a sperare e disperare se la tecnologia non risolverà le loro condizioni, fino a voler sconfiggere la morte con ogni arma, non accettando il limite imposto dalla Natura (che sono limiti dinamici perché la vita ha prolungato la sua durata negli ultimi decenni); e coloro che non si preoccupano del miglioramento tecnologico e non sperano che domani un farmaco meraviglioso sarà scoperto dalla ricerca.  Il secondo gruppo vuole vedere la Gentilezza, la Leggerezza, nel loro futuro, un bel rapporto tra le persone intorno, anche se la malattia impone il suo ritmo, limitando la funzionalità sia del corpo che della mente. E’ interessante il fatto che quando i pazienti si riferiscono ai medici li dividono in due categorie principali: “tecnico” e “umano”. I medici tecnici sono la progenie di Prometeo, quelli che eccellono nelle abilità tecniche, sono Evidence Based Driven e Disease Driven. Non ci sono persone dietro per loro, soprattutto il paziente o l’organo bersaglio. I medici umani, al contrario, sono coloro che sono in grado di curare, garantire la loro presenza, di essere umili nell’ascolto attivo e di comportarsi in modo morale corretto, incontrando i desideri e i valori del paziente.

Le narrazioni dei medici contemporanei sono principalmente dalla parte di Prometeo, in particolare nei giovani studenti che prendono la Medicina e la Scienza come fonte di certezza, e non di probabilità, trascurando i limiti umani, e con l’approccio teleologico che per ogni malattia c’è sicuramente un rimedio. La morte è qualcosa che per medici, infermieri, farmacisti e scienziati è considerata un fallimento umano: la nostra società contemporanea non rispetta abbastanza il limite, le persone che muoiono a volte vengono nascoste, mandate a morire lontano dai loro cari in hospice.

Cosa scrivono i medici? Beh, sono principalmente come Prometeo, ad eccezione dei professionisti dell’assistenza che lavorano in neonatologia e in cure palliative con i pazienti terminali, e dobbiamo ricordare che le persone che lavorano in cure palliative sono altamente stigmatizzate e tenute separate dai loro colleghi che sono in grado di “guarire” il paziente, Per me questo è come se fosse con  il contatto con la nascita e la morte,- e per questi ultimi il diritto di essere elogiati per affrontare questo aspetto della natura, in queste due fasi della vita,- che i professionisti si permettono di diventare più umani, cooperativi, gentili e pieni di virtù.

In conclusione vorrei portare all’attenzione il costante divario con cui noi scienziati siamo addestrati ad usare la nostra mente: aut, aut, o, o, uno è o un medico tecnico o è un medico compassionevole. Lo stesso vale per gli altri professionisti di cura. Il desiderio, la ragione è che in futuro entrambe queste qualità possano essere messe insieme, utilizzando i diversi tipi di Intelligenze di cui siamo dotati, la logica razionale, quella emotiva, quella visiva, quella artistica e persino quella musicale.

E c’è di più: la cultura giapponese ha meditato per secoli sull’impermanenza e sull’appassimento, e sulla morte. Hanno sviluppato una tecnica che si chiama “Wabi- Sabi”. Nell’estetica tradizionale giapponese, il wabi-sabi (侘寂) è una visione del mondo incentrata sull’accettazione della transitorietà e dell’imperfezione. L’estetica è talvolta descritta come una bellezza “imperfetta, impermanente e incompleta”. Si tratta di un concetto che deriva dall’insegnamento buddista dei tre segni dell’esistenza (三法印 sanbōin), in particolare l’impermanenza (無常 mujō), la sofferenza (苦 ku) e il vuoto o l’assenza di auto-natura (空 kū).

Le caratteristiche dell’estetica wabi-sabi includono asimmetria, ruvidità, semplicità, economia, austerità, modestia, intimità e apprezzamento dell’ingenua integrità degli oggetti e dei processi naturali. Essi includono l’accettazione dell’appassimento dei fiori, l’imperfezione, la situazione finale: allontanarsi dalla materialità, l’essere sempre in grado di trovare una soluzione, di accettare i confini umani e naturali.

Sì, possiamo davvero guardare avanti, come Prometeo, vecchio e nuovo, e questo è un impulso umano innato e  al contempo apprezzare, o meglio  contemplare il limite delle nostre capacità e della nostra essenza.

Share:

Written by

Epidemiologa e counselor, divulgatrice delle Humanities for Health in Italia. "Coming from a classic humanistic high school, I’ve chosen to integrate this knowledge with scientific university studies, in primis, chemistry and pharmacology. After this experience, I quit academy since I wanted to challenge myself in “real life practice” in the private multinational environment, and through these I’ve been following international projects. I worked in a private company in medical research then moved to health economics among the pioneers, achieving also an academic specialization in Epidemiology, and and then I moved to consultancy and to business education. Fondazione ISTUD with this humanistic management approach represented the possiblity to build a bridge between science and humanities in health care. In the mean while I became counselor with transactional analysis vision. I'm deeply inspired by culture, multinational exchange, youth concrete education, gender non discrimination, and social living. "

One thought on “Il Prometeo antico, moderno e contemporaneo

  1. Molto interessante l’accostamento del mito di Frankestein-Prometeo che abbandona la creatura deforme perché non è in grado di correggere l’errore, al medico “accecato” dalla fiducia nella scienza, incapace di recupere il proprio senso di umanità compassionevole al cospetto del paziente morente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.