Altri linguaggi di cura

Nessuna lingua parlata. Nessuna parola. Non ci sono frasi, né storie orali o scritte. Nessuna lettera. Cerchiamo di essere catturati dal mistero dell’ignoto o dell’indicibile.  A volte non ci sono parole per spiegare un grande dolore, ma anche momenti di gioia e stupore.  La vera esperienza, la verità, in greco antico si chiamava a-leziea, “indicibile”, poiché non è possibile mettere giù a parole le sue sfumature. Forse non esistono ancora le parole accurate, non sono state ancora inventate. Non possiamo sempre trovare le parole giuste per esprimere particolari situazioni di vita. E ancora di più, scrivere di loro.

In questo numero di “Cronache di Medicina Narrativa”, siamo qui per esplorare la Bellezza di altri linguaggi, vie diverse in grado di produrre quell'”Eldorado” dei neurotrasmettitori chimici che stiamo cercando per il nostro benessere. Serotonina, per essere riconosciuti e per migliorare l’autostima, dopamina, per sviluppare la resilienza e le competenze di progetto, ossitocina per sentirsi amati e endorfine per sbarazzarsi del dolore fisico e del dolore mentale (1). Sì, questi neurotrasmettitori sono l'”Eldorado”, definito da alcuni archeologi come l’uomo d’oro, e da altri come la mitica terra agli antipodi, una sorta di Eden, in cui non solo ci sono oro, argento e pietre preziose, ma anche pace e armonia tra tutti i membri della tribù. Troverete dentro l’articolo e la nostra rivista di questo mese materiale per il vostro benessere.

In questo scrigno del tesoro, la musica, dal classico al pop, dal country allo stile sacro, è contemplata come la prima pietra preziosa: lo zaffiro. La musica rilascia endorfine e la letteratura scientifica ha ampiamente dimostrato che è estremamente utile per molte condizioni acute e croniche: questo è l’impatto fisico della musica. Tuttavia, citerò June Boyde Tillman, di cui leggeremo un’intervista, tratta dal suo libro “Vivere la musica, Ripristinare lo Spirito”: Alla fine dell’Ottocento, Nietzsche dichiarò Dio morto e l’anima mundi venne identificata come l’aspetto della cultura che continua ancora oggi nell’idea dei meme.  In cima tra questi per Nietzsche v’erano i concetti di Apollineo e Dionisiaco. … Erano elementi contrastanti. Nietzsche ha associato la musica con l’Apollineo. Tuttavia, sosterrò che ripensando l’esperienza musicale nella sua totalità, anch’essa ha la capacità di integrare gli aspetti apollinei e dionisiaci – il personale e archetipico, la mente e il corpo – il misterioso e il razionale.

La musica, al di là dell’impatto fisico della produzione di endorfine, è una sorta di linguaggio che ha un effetto intrapersonale, come l’evocazione di ricordi del passato, il miglioramento dell’umore, l’ammorbidimento dei tempi duri della vita e l’effetto interpersonale come lo sviluppo dell’empatia, collegando le nostre menti e le nostre anime ed evocando emozioni simili. Naturalmente a seconda del nostro ambiente contestuale e sul nostro gusto. “La musica riempie il vuoto della morte di Dio” citando ancora la prof.ssa Boyde Tillman.

Tuttavia, possiamo proseguire oltre, decostruendo la musica e giungendo sino al suono, il suono singolo, senza particolari complesse armonie alla “Mozart” dietro? Il suono è una lingua, e se sì, fa parte di questo Eldorado di cui stiamo parlando?

Anche il suono appartiene all’Eldorado, e le pietre preziose che scopriamo n questa terra sono rubini e diamanti.

Permettetemi l’analogia, ma il decostruire la musica fino ai suoni elementari, mi ricorda il passaggio da linguaggi complessi a linguaggi minimali, fino al “metalinguaggio semantico naturale”, che comprende quei tipi di parole – poche – presenti in tutte le lingue parlate del mondo, o da molecole complesse ad atomi, o da numeri complessi a numeri primi.

Cos’è il suono? Il suono può essere visto come un moto d’onda nell’aria o in attraverso altri supporti elastici. Il suono è uno stimolo. Il suono può anche essere visto come un’eccitazione del meccanismo uditivo che si traduce nella percezione del suono. In questo caso, il suono è una sensazione. Il suono è un’onda che si diffonde secondo diverse frequenze chiamate Hertzs.

Ci sono forti connessioni tra i suoni che ascoltiamo e le nostre onde cerebrali. Le nostre funzioni cerebrali producono anche loro onde: queste possono essere le onde Delta – con 0.5-3Hz, e si verificano nel sonno più profondo, poi le onde Beta, 25-100 Hz, e questo è nel sistema cosciente (non significa necessariamente consapevolezza), le onde Theta tra 4 e 8 hertz, corrispondenti al sonno leggero e il nostro REM (la fase del sogno).

Le onde gamma sono le più veloci delle frequenze cerebrali e rappresentano il massimo stato di messa a fuoco possibile. Esse sono associate con un picco di concentrazione e con la frequenza ottimale del cervello per il funzionamento cognitivo. Lo scienziato premio Nobel Sir Francis Crick crede che la frequenza di 40Hz possa essere la chiave dell’atto cognitivo.

Ultime ma non le meno interessanti, le onde Alpha, da 8-12 Hz, grazie a queste onde si rivolge la propria attenzione alla nostra esperienza interiore, piuttosto che a ciò che sta succedendo intorno, quindi queste onde sono legate ad una meditazione interiore, una concentrazione sul regno interno. Questi sono i nostri Eldorado, le onde che cerchiamo: sono legate al benessere, le onde cerebrali che possiamo ottenere con la consapevolezza e la meditazione. Come crearle? Utilizzando suoni esterni in grado di innescare queste onde alfa, focalizzati sui 10 Hertz. Susan Evan Morris, logopedista, dice: “La ricerca mostra che le diverse frequenze sottoposte ad ogni orecchio attraverso cuffie stereo generano un tono differenziale (o battito binaurale), il cervello mette insieme i due toni che effettivamente sente. Attraverso il monitoraggio EEG il tono differenziale è identificato da un cambiamento nel modello elettrico prodotto dal cervello. Ad esempio, le frequenze di 200 Hz e 210 Hz producono una frequenza binaurale di 10 Hz (la differenza in 210 Hz e 200 Hz è 10 Hz). Il monitoraggio dell’elettricità del cervello (EEG) mostra che il cervello produce un aumento dell’attività di 10 Hz con uguale frequenza e ampiezza della forma d’onda in entrambi gli emisferi del cervello (emisfero sinistro e destro)”.

Quindi questi suoni esterni, con una frequenza Hertz compresa tra 210 e 200, sono quelli che possono mettere il nostro cervello in uno stato di meditazione e di pace: oltre a questo, possono produrre serotonina, il diamante dell’Eldorado che stiamo cercando. Nel Regno Unito, esiste la British Academy of Sound Therapy certificata: personalmente ritengo che le loro pubblicazioni siano straordinarie.  Nei loro studi viene spiegato non solo come il “tinnito” venga trattato – una particolare condizione neurologica – ma anche altre malattie neurologiche, fino alla depressione e alla demenza. Inoltre, una selezione di studi della British Academy of Sound Therapy ha valutato, dopo l’ascolto del suono, possibili esiti “bizzarri”, utilizzando come strumento un questionario di esperienza mistica. Questo strumento qualitativo e quantitativo convalidato indaga il senso di appartenenza, la completezza, l’autostima, l’unità, i concetti di senza tempo e senza spazio, il senso del Divino e il senso della natura. L’interconnessione tra le persone, ma soprattutto il fatto che non si è isolati e soli su questo pianeta. Lo strumento era stato impostato per indagare anche gli effetti delle droghe psichedeliche, o l’alcol, ma è risultato chiaro che alcune esperienze “mistiche” ad “effetto breve” che non generano dipendenza sono prodotti dai suoni, dalla danza, dal camminare, dal fare attività piacevoli. Tornando al suono, attraverso queste frequenze binaurali – una per ogni orecchio, da ascoltare in cuffia nei casi più complessi, i risultati di questa esperienza mistica legata a questi questionari d’indagine dimostrano un aumento nella quiete interiore, della pace, del senso d’integrità e di appartenenza in interconnessione con il mondo, con gli altri e con la natura. Tutto questo può essere riassunto con una sola parola: benessere. Facile da conseguire e da applicare nell’impostazione della cura, facile e a basso costo.

Qui, in questo numero di Cronache di medicina narrativa, vorremmo chiedervi di provare questa esperienza binaurale e di raccogliere poi la vostra opinione. Si prega di andare a questo link per aprire il video dell’esperienza sonora.

Esempio d'architettura sostenibile

Esempio d’architettura sostenibile

E ancora, voltando pagina, In questo Eldorado vorremmo toccare anche l’arte visiva: e se, passatemi l’analogia, l’arte visiva è musica, ci concentreremo sul “suono” dell’arte visiva, come il linguaggio dei colori. Il neuroscienziato Bevil Conway studia da una vita il colore e i suoi effetti sul cervello: in particolare, ne ricerca  visione e percezione al Wellesley College e alla Harvard Medical School. Sapere che gli esseri umani potrebbero anche essere cablati per certe tonalità di colore, potrebbe essere una via d’accesso nella comprensione delle proprietà neurali dell’emozione. Dal momento che i ricercatori sanno che certi colori provocano forti sentimenti nelle persone – i blu e i porpora sono più piacevoli dei gialli, per esempio, mentre i verdi tendono ad essere i più eccitanti – potrebbero scoprire i meccanismi di base che scatenano queste emozioni. Se i ricercatori possono tracciare il circuito neurale che guida tale distinzione, potrebbero migliorare la nostra comprensione di come il cervello categorizza le cose, e dunque i colori, più rilevanti o meno rilevanti. Da qui il passo è breve verso l’architettura del processo decisionale umano: e questo molto ci può dire sulla comunicazione non verbale. In questo senso, dice Conway, il colore potrebbe diventare “un sistema modello per qualcosa di molto più del colore”.

In ogni caso la chiave delle variabili che mediano in termini di interfaccia tra il colore e la risposta umana include la personalità di un individuo, l’esperienza culturale e lo stato affettivo e molto altro ancora (2). Pertanto, è molto importante conoscere in contesti culturali diversi quale colore è considerato “buono”, per ottenere certi risultati; in alcune culture il rosso è associato alla migliore performance, in altre il verde. In un altro contesto “il verde allevia lo stress” e ” coloro che hanno un ambiente di lavoro verde sperimentano meno dolori allo stomaco”.  Anche se questo è del tutto soggettivo: ciò che conta, alla fine, è trovare per tutti il colore che serve a produrre neurotrasmettitori per il nostro benessere.

Al di là dei colori, in questo Eldorado, non ho voluto parlare della Bellezza della Danza, dello Yoga, dei profumi e di tanti altri linguaggi di cura conosciuti e sconosciuti. Al giorno d’oggi, grande enfasi viene posta sulle parole usate. Parole come droghe, parole come armi, come benedizione e veleno.

Forse la lingua parlata deve ancora evolversi o tornare indietro, ritrovare il suo significato originale in cui le parole erano sacre. In sincronicità, proprio oggi, mi sono imbattuta in una poesia che ha un titolo molto centrato per queste mie riflessioni e emozioni.

Il “non scritto “, di W. S. Merwin, vincitore del premio Pulitzer per la poesia.

 

In questa matita

parole rannicchiate che non sono mai state scritte

mai pronunciate

mai insegnate

 

si nascondono

 

sono sveglie lì dentro

buio nel buio

ci sentono

ma non usciranno

non per amore non per il tempo non per il fuoco

 

anche quando il buio si consumerà

ci saranno ancora

nascoste nell’aria

le moltitudini nei giorni a venire possono attraversarle

respirarle

nessuno essere il più saggio

 

quale testo può essere

che non srotoleranno

in quale lingua

lo riconoscerei

sarei in grado di seguirlo

per distinguere i nomi reali

di tutto

 

forse non ci sono

molti

potrebbe essere che c’è una sola parola

ed è tutto quello di cui abbiamo bisogno

è qui in questa matita

 

ogni matita nel mondo

è così.

 

Perché non provare altre matite per trovare le parole giuste? E ora silenzio. Forse la pietra preziosa più pura dell’Eldorado.

 

(1) Habits happy brain. Loretta Graziano Breuning, 2015 – Adams Media

(2) Zena O’Connor, Colour Psychlogy and Color Therapy: Caveat Emptor, Color Research and Application, Volume 36, Number 3, June 2011

Share:

Written by

Epidemiologa e counselor, divulgatrice delle Humanities for Health in Italia. "Coming from a classic humanistic high school, I’ve chosen to integrate this knowledge with scientific university studies, in primis, chemistry and pharmacology. After this experience, I quit academy since I wanted to challenge myself in “real life practice” in the private multinational environment, and through these I’ve been following international projects. I worked in a private company in medical research then moved to health economics among the pioneers, achieving also an academic specialization in Epidemiology, and and then I moved to consultancy and to business education. Fondazione ISTUD with this humanistic management approach represented the possiblity to build a bridge between science and humanities in health care. In the mean while I became counselor with transactional analysis vision. I'm deeply inspired by culture, multinational exchange, youth concrete education, gender non discrimination, and social living. "

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.